Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Carlo Zanetti
0
voti

Collettore di terra?

Domanda:

In un impianto di messa a terra è assolutamente indispensabile l'impiego di un "collettore di terra" per il collegamento tra la treccia di terra (16 mm2)e l'impianto stesso suddiviso in tre sezioni, oppure basta fare il collegamento suddetto come una normale connessione? (unire la treccia con i tre conduttori).

Risponde Carlo Zanetti

Non è indispensabile un "collettore di terra" ma la semplice unione di più conduttori di diversa sezione deve essere fatta rispettando la normativa di prodotto relativa ai "morsetti" di derivazione che prevede che in un "morsetto" possano essere collegati 2 conduttori della sezione nominale del morsetto stesso o 3 conduttori della sezione immediatamente inferiore alla sezione nominale. Non si possono collegare tra loro conduttori di diversa sezione nello stesso morsetto. Esistono in commercio appositi morsetti "equipotenziali" che permettono il collegamento di conduttori di diverse sezioni.

Carlo Zanetti

2

Commenti e note

Inserisci un commento

di ,

Alzare il valore di Rt? No dico, normalmente con 5 ohm dovresti stappare una bottiglia di spumante (! vabbe' esagero). Non so che conti tu stia facendo, ma con quella Rt, il dispositivo differenziale meno sensibile potrebbe avere una Idn di 10A. Per essere coordinato (con la tensione limite di contatto dei 50 V) un differenziale da 300 mA, è sufficiente una Rt minore o uguale a 166 ohm, per un 30 mA ne bastano addirittura dieci volte tanti. In ultimo ti consiglio di trasporre queste domande direttamente nel forum, questo commento infatti l'ho visto per puro caso essendo in coda ad un articolo di ben 12 anni fa

Rispondi

di ,

Buonasera vorrei inserirmi nel discorso proponendo un quesito serio e delicato. Assieme al un amico installatore ho misurato la resistenza di terra di un condominio avente un impianto di terra con soli dispersori di fatto senza picchetti di terra in pozzetti esterni o quant'altro. La misura è stata effettuata tramite un misuratore di terra collegato ad una presa dell'impianto elettrico parti comuni del condominio. Premetto che il condominio è suddiviso in tre scale A - B - C e che i tre impianti di messa terra sono collegati tra loro in pratica esistono tre collettori di terra di tipo a morsetto serrato a caldo collegati tra loro. Premetto inoltre che le tubazioni del gas e dell'acqua non sono collegate a terra. Dulcis sin fundo il valore di resistenza di terra misurato nei pressi dei tre locali tecnici di ogni scala, nelle rispettive prese era: - scala A pari a 5 ohm; - scala B pari a 4 ohm; - scala C pari a 5 ohm. Ora mi sorge un dubbio serio. Per coordinare siffatto impianto di terra con i relativi interruttori differenziali presenti nei tre quadri parti comuni e nei centralini degli appartamenti dovrò alzare il valore della resistenza di terra per riuscire ad installare almeno differenziali da 0,3 A e 0,03 A e avere un coordinamento delle protezioni. Sbaglio????

Rispondi

Inserisci un commento

Per inserire commenti è necessario iscriversi ad ElectroYou. Se sei già iscritto, effettua il login.