Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Benvenuti al blog elettrico di mir. Visita il suo
Foto Utente

appunti sparsi...

Gli ultimi articoli inseriti da mir


Gli ultimi articoli di mir

pubblicato 9 anni fa, 13.223 visualizzazioni

La verifica di un transistor bjt, è una pratica semplice per gli esperti del settore,mentre lo è meno per chi è alle prime armi in questo campo,ecco una breve procedura pratica. La verifica di efficienza di un bjt richiede l'utilizzo di un Tester analogico o digitale, in portata kohm nonché i relativi bjt, qualora quest'ultimi fossero presenti in un circuito andranno opportunamente dissaldati, al fine di avere una misura corretta senza che altri elementi presenti nel circuito falsino la misurazione. La prima fase richiede di individuare attraverso il datasheet o un manuale la piedinatura corretta del bjt da verificare, nell'esempio sono stati considerati due transistor un NPN (es.2N3904) ed un PNP ( es.2N2905). Nella seconda fase si verifical'integrità delle giunzioni base-emettitore e base-collettore e seguendone la misura ohmica. La misura viene eseguita,applicando i puntali prima fra la B ed E, e poi tra B e C misurando i valori di resistenza e poi invertendo le polarità, questo utilizzando la portata kohm sul tester, se presente si consiglia la portata per la misura dei diodi, rappresentata solitamente dal simbolo del diodo. Si otterranno così valori di resistenza bassi per la polarizzazione diretta, ed elevatissimi perla polarizzazione inversa, nel caso di un BJT efficiente. (Come rappresentato nelle immagini riportate)

[...]

pubblicato 10 anni fa, 68.610 visualizzazioni

L’idea di scrivere queste due righe, prende spunto dalla lettura di alcuni topic nel forum di Telecomunicazioni di EP, dove, al fine di migliorare o realizzare un impianto di antenna Tv, si chiedeva la necessità o meno di utilizzare Divisori (o Partitori) e/o Derivatori per la distribuzione del segnale Tv,idea condivisa con cinque, che con il suo contributo ne ha migliorato i contenuti tecnici.

Quanto segue non vuole essere un’esauriente spiegazione tecnico/teorica, ma una breve descrizione sull’ utilizzo di Divisori e Derivatori in un impianto di distribuzione del segnale Tv.

Nella realizzazione di un impianto di antenna Tv, vengono utilizzati, al fine di aumentare l’ampiezza del segnale,

[...]

pubblicato 11 anni fa, 4.115 visualizzazioni

L’elettrodomestico in questione, è una 33 cm con carica dall’alto e carico max di 5 Kg,con diverse funzioni di risparmio elettronicamente gestite, del tipo riconoscimento quantità di carico etc.

Già, si tratta di una lavatrice, protagonista di uno scoppiettante guasto…..

..ad un tratto in casa si sono sentiti degli strani rumori, tipo “scoppiettii”, che hanno indirizzato l’attenzione verso l’elettrodomestico, fino al punto di sentire anche un “forte odore di bruciato” provenire dallo stesso.

Pertanto si è subito tolta la corrente nell’appartamento e successivamente staccato la spina di alimentazione della lavatrice; tra l’altro quest’ultima non era in funzione ed era spenta!!!!

[...]

pubblicato 11 anni fa, 8.009 visualizzazioni

QUESTO CIRCUITO REALIZZATO A PURO TITOLO HOBBISTICO E DI STUDIO SE PUR DI SEMPLICE REALIZZAZIONE , HA I COMPONENTI ALIMENTATI ALLA TENSIONE DI RETE DI 230 V,QUINDI AD UN POTENZIALE RISCHIO ELETTRICO !!! PERTANTO MOLTA ATTENZIONE VA POSTA NEI CONFRONTI DELL'ISOLAMENTO E NEL MANIPOLARLO SIA DURANTE L’INSTALLAZIONE CHE DOPO AFFINCHE' NON SI POSSA VENIRE IN CONTATTO CON NESSUNA PARTE ATTIVA DEL CIRCUITO.

L'AUTORE NON SI ASSUME NESSUNA RESPONSABILITA' ESPLICITA O IMPLICITA PER POSSIBLI DANNI O INCIDENTI DERIVANTI DALL'USO IMPROPRIO DI QUANTO ESPOSTO

L’idea è quella di alimentare direttamente dalla tensione di rete (230 V 50 hZ) un piccolo carico (diodo led) , senza dover utilizzare, per esigenze di spazio/costo, trasformatori,diodi, transistor di potenza e resistori, ma come già detto questo vale per ridotte potenze in gioco, o meglio per circuiti semplici che richiedono correnti dell’ordine di qualche decina di mA.

[...]

pubblicato 11 anni fa, 9.913 visualizzazioni

Resistore : resistor = dispositivo conduttore che presenta un parametro specifico detto resistenza , che ne caratterizza il comportamento circuitale. Possono essere definiti come dei bipoli passivi caratterizzati da una propria resistenza relativa al materiale con cui sono costruiti e alla tecnologia utilizzata.

Il resistore è un componente molto diffuso, maggiormente utilizzato nei dispositivi elettronici, ed è il primo componente passivo che si incontra nello studio dell’elettronica e dell’elettrotecnica. Ne esistono diversi tipi, per diverse forme, e diverse caratteristiche e per le piu’ svariate applicazioni. Possono essere di tipo fisso, cioè con un determinato valore di resistenza, o variabile, cioè con la possibilità di variare il valore di resistenza entro un range prestabilito.

[...]

pubblicato 11 anni fa, 2.850 visualizzazioni

Il doppio isolamento si ottiene aggiungendo al normale isolamento delle parti attive, ovvero all’isolamento principale un ulteriore isolamento supplementare. E' consentito dalla Norma anche l’utilizzo di un unico isolamento, purché risponda alle caratteristiche meccaniche ed elettriche del doppio isolamento, che in tal caso è detto rinforzato. Lo scopo del doppio isolamento è quello di offrire comunque un isolamento della parte attiva qualora per ragioni meccaniche abbia ceduto la prima parte di isolamento. Un’apparecchiatura con isolamento doppio o rinforzato viene classificata di classe II.

Simbolo che indica la presenza del doppio isolamento, su apparecchiature elettriche:

Questo tipo di protezione vuole evitare che parti attive possano offrire possibilità di contatto per cedimento del loro isolamento. La sua realizzazione risulta difficoltosa nei locali ad uso civile in quanto i locali che potrebbero soddisfare le condizioni richieste sono pochi, poiché:

[...]

pubblicato 11 anni fa, 14.865 visualizzazioni

Il sistema di protezione a bassissima tensione, è uno dei sistemi di protezione di tipo passivo, in quanto non prevede l’interruzione automatica del circuito, limitando il valore di tensione al quale si può essere sottoposti in caso di guasto. La Norma Cei 64-8 afferma che un sistema elettrico è a bassissima tensione se soddisfa le seguenti condizioni:

la tensione nominale non supera 50V,valore efficace in c.a. e 120V in c.c. non ondulata, l’alimentazione proviene da una sorgente SELV o PELV, sono soddisfatte le condizioni di installazione specificatamente previste per questo tipo di circuiti elettrici.

SELV e PELV indicano le caratteristiche specifiche che devono possedere i sistemi a bassissima tensione. Iniziamo con il dire che :

[...]

pubblicato 11 anni fa, 30.814 visualizzazioni

Non me ne vogliano gli esperti dell’elettronica per l’enorme semplificazione teorico-pratica dell’argomento. Questa miniguida vuole essere semplicemente pratica, per ciò che concerne la conoscenza e la corretta polarizzazione di questi componenti. Si riassume brevemente il principio di funzionamento, nei riguardi dell’emissione luminosa,le sue caratteristiche ed i valori corretti di polarizzazione nonché il semplice calcolo della sua resistenza di polarizzazione.

La categoria dei componenti Optoelettronici include dispositivi semiconduttori in grado di produrre una radiazione luminosa nella zona dello spettro visibile degli esseri umani, o al di fuori dello stesso, cioè gli infrarossi; si includono in questo campo anche i componenti cui la luce determina il funzionamento di certi semiconduttori.

[...]

pubblicato 11 anni fa, 26.909 visualizzazioni

Ho notato nel forum una certa richiesta per la realizzazione di circuiti atti a stabilizzare una tensione per appilicazioni piu’ o meno piccole.

Pur sapendo la mole di informazioni presenti sul web in merito , ho ritenuto utile realizzare una breve guida al riguardo, non esaustiva ma utile per applicazioni pratiche.

La stabilizzazione di una tensione può essere ottenuta, oltre che con componenti discreti, anche attraverso l’utilizzo di appositi circuiti integrati, ovvero di un unico circuito, detto stabilizzatore integrato o regolatore di tensione.

I regolatori di tensione che consideriamo in questo articolo sono di tipo lineare a tre terminali, e possono essere con uscita fissa (positiva o negativa) o con uscita variabile (positiva o negativa).

[...]
<<...3456

Chi sono

mir - profilo

Nome: mir mir

Reputation: 60.702 9 12 13

Web: http://www.electroyou.it/mir/blog

I miei ultimi post dal forum

Vai al Forum


Cerca nel blog di mir