Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Benvenuti al blog elettrico di g.schgor. Visita il suo
Foto Utente

Esperienza e simulazioni

Come affrontare i progetti elettronici


Gli ultimi articoli di g.schgor

pubblicato 11 anni fa, 4.994 visualizzazioni

Una recente richiesta al Forum poneva il problema dell'applicazione di una macchina a stati finiti (Finite State Machine, FSM) per il trattamento di una stringa seriale di 8 bit. Fra le pubblicazioni disponibili in Internet, mi è sembrata ben fatta questa , a cui rimando per eventuali approfondimenti. Per comodita', riproduco qui le due principali immagini che in questa pubblicazione illustrano la struttura della FSM secondo Mealy: [Immagine] In sintesi, le variabili di ingresso X vengono legate ai segnali Q provenienti da un set di Flip-Flop (che rappresentano i vari stati del sistema) per ottenere una "decodifica" in uscita. La parte centrale della FSM e' costituita dalle relazioni fra "ingressi" ed "uscite" rappresentabili con una tabella di corrispondenza: [...]

pubblicato 11 anni fa, 4.812 visualizzazioni

Un recente Topic nel Forum di Electroportal ha posto il problema della progettazione di un partitore di tensione. All'apparenza nulla di piu' semplice: era chiesto di ricavare una tensione di 5V data una tensione di alimentazione di 12V. La risposta più ovvia è stata: 2 resistenze in serie (Ra ed Rb) alìmentate dai 12V (Va) e con una scelta dei valori in modo tale che ai capi di Rb risultino 5V (Vb). Il "progetto" sembra quindi limitato a trovare i valori opportuni di Ra ed Rb. Applicando le regole dell'elettrotecnica possiamo scrivere che (uguaglianza ricavata dal fatto che la stessa corrente precorre le 2 resistenze) e da cui possiamo ricavare: Vediamo quindi che, dati Va e Vb, non possiamo determinare Ra ed Rb, ma soltanto il "rapporto" che deve intercorrere fra i 2 valori. [...]

pubblicato 11 anni fa, 6.377 visualizzazioni

Viene ripreso un argomento trattato nel Forum il gennaio scorso , con un approfondimento reso possibile dalle innovazioni grafiche di ElectroYou. Per la basi teoriche del metodo di Laplace, si rimanda ad articoli già pubblicati, come ad es. questo , sottolineando soltanto che il metodo permette di passare dalle equazioni integro-differenziali nel tempo ad equazioni algebriche in s (operatore di Laplace). Questa trasformazione consente quindi una facile elaborazione, puramente algebrica, delle equazioni per raggiungere un risultato in una forma di cui sia già nota la relativa "antitrasformata" (cioè il passaggio inverso da s al tempo). Poiché lo scopo preminente è qui la soluzione relativa ai circuiti elettrici, si ritiene utile riportare un prontuario delle relazioni che governano tensione e corrente istantanee nei principali elementi circuitali (resistenze, capacità ed induttanze). [...]

pubblicato 11 anni fa, 1.749 visualizzazioni

Come modello del motore in corrente continua a magneti permanenti (e ad eccitazione indipendente più in generale) , viene assunto quello riportato nell' articolo di admin . Si rimanda quindi a questo articolo per le definizioni delle variabili e per le relazioni fra di esse, mentre viene qui illustrata l'applicazione del programma di simulazione MicroCap9 , che permette di ottenere direttamente in grafici, il comportamento dinamico del motore a seguito dell'applicazione della tensione di alimentazione. Per comodità si riportano i valori relativi al primo esempio dell'articolo citato: tensione di alimentazione resistenza d'armatura momento d'inerzia motore costante di coppia e per il carico [...]

pubblicato 11 anni fa, 1.647 visualizzazioni

Per esemplificare l’applicazione del metodo delle differenze finite (vedi articolo ) ho rispolverato il vecchio problema del cane che insegue una lepre. Si suppone che un cane punti una lepre che dista inizialmente D , e che poi la insegua, sempre puntandola, mentre questa fugge ad una velocità costante ed in linea retta perpendicolare al tratto iniziale D. Data le velocità vl della lepre e vc del cane, determinare in quanto tempo quest’ultimo raggiungerà la lepre. Questo problema e’ l’edizione “pacifista” di quello di un missile ad inseguimento automatico, che punta un bersaglio mobile in linea retta, e con velocità uniforme. (Per i più sensibili amanti della natura e contrari della caccia, e’ pero' possibile sostituire un leone al cane e una gazzella alla lepre). [...]

pubblicato 11 anni fa, 3.756 visualizzazioni

IL PROBLEMA Dato un circuito serie composto da una resistenza R e da 2 condensatori C1 e C2, il tutto alimentato con una tensione a gradino da 0 a VA, determinare l’andamento nel tempo delle tensioni ai capi dei 2 condensatori, ed in particolare i valori delle tensioni alla fine del transitorio. Per essere concreti, assumiamo VA=12V, R=10 Kohm, C1=100 uF, C2=20 uF. SOLUZIONE CONVENZIONALE Per l'equilibrio dei valori istantanei del circuito serie, vale l’equazione: dove va(t) e’ l’andamento nel tempo del segnale applicato (gradino) ed i l’andamento sempre nel tempo della corrente che percorre il circuito, cioe' la funzione incognita da ricavare. Applicando il metodo di Laplace (e ricordando che la trasformata di un gradino è 1/s), l'equazione può essere trasformata in : [...]

pubblicato 12 anni fa, 5.483 visualizzazioni

Gli elementi che si usavano quando la logica era cablata, possono ancora esserci utili. [...]

pubblicato 12 anni fa, 6.705 visualizzazioni

Appendice 4: ottimizzare le prestazioni di un regolatore PI mediante simulazione [...]

pubblicato 12 anni fa, 5.225 visualizzazioni

Appendice 3: una stessa configurazione per realizzare un filtro LP(passa-basso), BP(passa-banda), HP (passa-alto). [...]

pubblicato 12 anni fa, 5.003 visualizzazioni

Appendice 2: regolazione a-tutto-o-niente [...]
<<...45678910...>>

(10 pagine)


Chi sono

g.schgor - profilo

Nome: Giovanni Schgör

Reputation: 54.079 9 12 13

Bio: Laureato nel 1955 in Ingegneria Elettrotecnica, dopo esperienze nelle telesegnalazioni e telecomandi a relè, ho progettato automazioni di impianti con logiche statiche cablate (a transistor). Dal 1970 dirigente responsabile del settore Automazione Industriale di una grande azienda elettromeccanica, con impiego di PLC e calcolatori di processo. In pensione dal 1994, ho sviluppato molti programmi didattici e di simulazione per l'insegnamento della Logica Booleana e dell'Elettronica, sia analogica che digitale. Dal 2004 collaboro al Forum di ElectroYou.

Web: http://nonnog.altervista.org/index.html

I miei ultimi post dal forum

  • Studio PLC

    Se il circuito continua a non funzionare ti consiglio di cancellare il contatto in parallelo all'Avvio e sostituirlo. Ecco la procedura: -click... 19:14

  • Studio PLC

    sì, infatti per essere più chiari, il contatto di mantenimento ha lo stesso nome dell'uscita (nel simulatore viene prelevato dalla lista Outputs ) 19:14

  • Studio PLC

    Scusa WALTERmwp il contatto di mantenimento non è un ingresso al PLC ma un contatto virtuale associato allo stato della corrispondente uscita. 19:14

  • Studio PLC

    Forse non hai letto attentamente il post[31] Gli ingressi al PLC sono solo i due pulsanti di Avvio e Arresto. Il contatto in parallelo a quello... 19:14

  • Comparatore digitale

    Ecco una possibile soluzione CompDig.gif 21:59

  • Comparatore digitale

    Ecco una possibile soluzione CompDig.gif 21:59

  • Operazionali: chiarimento banda passante

    Vedi qui 13:49

  • Studio PLC

    Bravo :!: I contatti di Avvio e Arresto corrispondono a pulsanti (quindi vanno attivati col sinistro del mouse, che agisce solo... 19:14

  • generatore da trifase a monofase

    Per essere possibile, lo è ma per equilibrare i carichi sulle fasi del generatore bisogna dis trubuire i carichi fra i due secodari nel rapporto... 22:49

  • generatore da trifase a monofase

    Senza schema non è chiara la tua soluzione che però mi sembra squilibri il generature. 22:49

Vai al Forum


Cerca nel blog di g.schgor