Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Benvenuti al blog elettrico di TardoFreak. Visita il suo
Foto Utente

Idee microcontrollate

Diario di un camperista della Silicon Valley


Gli ultimi articoli di TardoFreak

pubblicato 8 anni fa, 12.133 visualizzazioni

Credo che la cosa piu’ difficile per un principiante sia quella di trovarsi di fronte ad uno schema elettrico da realizzare e non sapere da che parte cominciare.

Magari e’ da poco uscito da una scuola dove dovrebbe aver imparato un po' di teoria ma, vuoi per carenza di pratica di laboratorio, vuoi perche' per lui "e' la prima volta", quanto ha imparato sui libri si perde di fronte ad un pugno di componenti di cui ( forse ) conosce la funzione ma che non sa come mettere insieme al fine di ottenere un risultato finale soddisfacente e funzionale.

I piu’ intraprendenti, si buttano a testa bassa ammucchiando componenti su di una basetta e collegandoli in modo improbabile; altri intraprendono l’ardua via della realizzazione di un PCB tramite software dedicati ed entrambi spesso sprecano tempo e denaro, i primi pasticciando e bruciando componenti, gli altri perdendo ore ed ore sul computer per disegnare tramite software, una traccia di un circuito magari estremamente semplice. Poi seguira’ la realizzazione del PCB vero e proprio con la speranza, alla fine, di non avere fatto errori e dover cominciare da zero.

[...]

pubblicato 8 anni fa, 2.987 visualizzazioni

Iniziare a sperimentare con un microcontrollore è più facile a dirsi che a farsi, soprattutto per un principiante. E' molto facile trovarsi immediatamente di fronte ad un programma che non fa quello che dovrebbe. Se poi non si ha a disposizione un emulatore in grado di eseguire il programma passo per passo la difficoltà sembra insuperabile. In questo breve articolo illustrerò un metodo semplice per iniziare a scrivere programmi partendo da una base, ampliandolo passo per passo ed utilizzando alcuni accorgimenti e trucchetti per monitorarne in qualche modo l' esecuzione. E' un metodo che ho usato molti anni fa (ma a dire il vero lo uso ancora) quando avere un emulatore che permetteva di eseguire il programma passo per passo direttamente sul sorgente in C era un miraggio o era un qualcosa di irraggiungibile visti i costi. Per illustrare il tutto userò il linguaggio C per sviluppare per il microcontrollore AT90USB1287 (per comodità in quanto si tratta della scheda Pierin che ho già montata e inserita in una breadborad) con Atmel AVR Studio 4 (ma anche studio 5 va benone) ed utilizzando il bootloader USB che la Atmel programma nel micro direttamente in fabbrica unitamente al software FLIP 3.4.3.

[...]

pubblicato 8 anni fa, 13.781 visualizzazioni

Ho notato che molti utenti vorrebbero avvicinarsi al mondo dei microcontrollori. Ne intuiscono le potenzialità, capiscono che sono oggetti interessantissimi, qualcuno ha già studiato qualcosa a scuola ma non sanno come fare per iniziare da zero l' avventura che li porterà ad una discreta conoscenza degli stessi. In effetti il mercato ne offre parecchi, di diversi modelli e prezzi e bisogna anche dire che, nonostante si abbia la possibilità di accedere attraverso internet a tutte le informazioni, è difficile farsi un' idea su come iniziare, quale micro scegliere, come indirizzare i propri sforzi, cosa comprare. Nel forum arrivano continuamente richieste su come iniziare e su cosa fare per non fare errori. Ho pensato quindi di raccogliere i suggerimenti che io ed altri utenti di solito diamo in questo articolo.

[...]

pubblicato 8 anni fa, 3.409 visualizzazioni

I programmi scritti per i microcontrollori sono ovviamente diversi dai programmi che vengono scritti per i personal computer. Oltre a differire per il fatto di non avere, ad esempio, un display video o una tastiera la struttura stessa del programma è diversa perché diverso è il campo di applicazione. In questa serie di brevi articoli rivolti a coloro che hanno appena iniziato la sperimentazione con i microcontrollori illustrerò alcuni aspetti legati alla stesura di un programma utilizzando come linguaggio di programmazione il C (e quindi do per scontato che lo si conosca) ma le stesse regole valgono anche per il linguaggio assembly. Non vuole essere una serie di lezioni poiché non sono in grado di darne, semplicemente un piccolo aiuto per iniziare con il piede giusto e quindi qualsiasi commento in grado di fornire ulteriori info o spunti sarà più che apprezzato.

[...]

pubblicato 8 anni fa, 924 visualizzazioni

Alcune persone usano il PC per diletto, per girovagare in internet o per sbirciare fra i siti, altri lo usano per lavoro, per taluni individui il PC significa lavoro, guadagno, sopravvivenza. Una categoria più che mai eterogenea di utenti ma tutti, e dico tutti, hanno un problema insito nel computer: il computer si può "imballare" o guastarsi e questo può succedere per vari motivi: un virus, un baco nel sistema operativo o più semplicemente perché qualcosa si rompe. Cosa del tutto normarle poiché i personal computers sono macchine e come tali si rompono. Tutti questi utenti, all' apparenza molto diversi fra loro, tengono comunque memorizzati nei propri PC documenti ed hanno programmi e drivers installati. Cosa succede se un PC sul più bello (o nel momento sbagliato dipende da quando capita) decide di andare a miglior vita?

[...]

pubblicato 8 anni fa, 12.873 visualizzazioni

Leggendo i vari post del forum mi sono accorto che ci sono molte persone di buona volontà che, spinti dall' entusiasmo e dal fascino che l' elettronica emana, vorrebbero iniziare a cimentarsi nel fare qualcosa. E' l' atteggiamento di chi vede (a mio parere giustamente) nell' elettronica un hobby interessante che può regalare grandi soddisfazioni. Solitamente queste persone iniziano con la frase "premetto che di elettronica ne so poco o niente" per proseguire con "vorrei realizzare un' apparecchiatura che ..." e via discorrendo. Quello che si scopre subito dopo è che questi utenti mancano di una dotazione minima di attrezzatura e strumentazione e quindi, molte volte, tutto quello su cui si è discusso finisce con il diventare niente. Questo breve articolo propone una sorta di "minimo sindacale" di attrezzatura e strumentazione per poter cominciare a "smanettare" con l' elettronica, nella speranza che possa essere d' aiuto a chi si avvicina per la primissima volta.

[...]

pubblicato 9 anni fa, 1.419 visualizzazioni

I circuiti a LED o lampadine che simulano l' effetto SUPERCAR, quello con le lucine che vanno avanti ed indietro montato nell' automobile KITT, è molto richiesto ed apprezzato. Talmente apprezzato che ognuno lo vorrebbe diverso dagli schemi che trova in rete. Rispolverando le discussioni in cui gli utenti chiedevano informazioni e circuiti ed ho notato che alcuni hanno bisogno di un preciso numero di LED, molti vorrebbero avere la velocità di scansione regolabile altri che vorrebbero l' effetto "avanti ed indietro" ed altri solo in una direzione. Ho ancora il Pierin montato sulla breadboard e, visto che in questi giorni sono praticamente in vacanza pur rimanendo a casa, ho pensato di scrivere un programmino per realizzare l' applicazione in oggetto. Il programma non è niente di speciale. Permette di predisporre esternamente il numero dei LED desiderato (da 5 a 20), il modo di funzionamento (monodirezionale/bidirezionale) tramite ponticelli o dip-switches e la velocità di scansione tramite un trimmer.

[...]

pubblicato 9 anni fa, 4.051 visualizzazioni

Nella prima parte abbiamo analizzato il circuito la teoria e gli strumenti software da scaricare per poter sviluppare con gli AT90USB, in questa seconda parte monteremo il circuito ed analizzeremo, dal punto di vista pratico passo dopo passo, tutti i passaggi per mettere in funzione il PIERIN e realizzare il primo programmino di prova. In questa occasione illustrerò anche una tecnica per montare gli integrati SMD che spero possa essere di aiuto a qualche lettore.

Quasi tutti i microcontrollori (e non solo loro) vengono venduti in contenitore per montaggio superficiale e l' AT90USB non è da meno. Colgo quindi l' occasione per illustrare un modo per montare i circuti integrati che, a mio avviso, è estremamente valido. Non è farina del mio sacco ma è una sintesi di tutte le tecniche che ho potuto sperimentare, molte delle quali illustrate dagli utenti di ElectroYou quindi a loro va il merito. Io ho solo raccolto i vari sistemi, li ho sperimentati e ne ho individuato uno (che oramai utilizzo sempre) che è poco critico e non necessita di attrezzature particolari. Basta un saldatore, un po' di stagno, un barattolino di flussante liquido ed un pezzo di treccia dissaldante per ottenere saldature perfette. L' integrato che monterò ' in contenitore QFP da 64 pin con passo 0.8 mm ma con questa tecnica si possono benissimo montare anche i TQFP con passo 0,4 mm ottenedo sempre un risultato eccellente.

[...]

pubblicato 9 anni fa, 2.785 visualizzazioni

Il web è pieno di progetti di schede di valutazione/sviluppo per microcontrollori. I microcontrollori ATmega e AT90 ad 8 bit della Atmel sono ottimi oggetti con i quali si possono sviluppare applicazioni notevoli, e molti si sono dati da fare per realizzare schede per hobbisti basate su questi chip. Ad esempio Arduino è una piattaforma open-source per gli ATmega molto diffusa. ElectroYou non può essere da meno quindi ho pensato, nei ritagli di tempo ed approfittando di un progetto che sto sviluppando, di realizzare un circuito di facile costruzione e che servisse per sviluppare programmi su questi microcontrollori. Proprio mentre mi studiavo il datasheet dell' AT90USB sono rimasto incuriosito dal bootloader pre-programmato, ho voluto approfondire la cosa ed ho pensato che forse poteva interessare qualcuno, quindi ho scritto questo articolo. Avendo bisogno di un adattatore per poter realizzare i prototipi, mentre disegnavo il circuito stampato ho pensato bene di inserire un po' di circuito in più ottenendo così una basetta che, oltre a farmi quello che deve fare, si può utilizzare anche come sistema di sviluppo.

[...]

pubblicato 9 anni fa, 1.443 visualizzazioni

E' consuetudine dei produttori affiancare ai prodotti (circuiti integrati, microcontrollori ed altro) uno o più kit di valutazione perché permettono di provare velocemente le potenzialità dei prodotti. Tuttavia molti kit hanno dei limiti, non è raro trovarne alcuni che servono esclusivamente per la valutazione del prodotto in un hardware particolare. Quelli fatti bene permettono anche espansioni e sviluppi che vanno oltre lo scopo del kit stesso. In questi casi solitamente si parla di schede di sviluppo. Io preferisco realizzare i circuiti di prova mediante prototipi filati con tecnica wire-wrap (mi piace proprio il lavoro manuale di prototipazione) ma non tutti ne hanno la possibilità o il tempo per farlo quindi i kit di valutazione sono i benvenuti sopratutto quando hanno un costo contenuto e quando possono anche essere espansi o integrati in prototipi o realizzazioni finali. Come menzionato nell' articolo Prove applicative della SCU di Giovanni Schgör è stato realizzato un kit di valutazione per poter sperimentare la Switch Control Unit PSCU01A. In questo breve articolo descriverò la scheda di valutazione, il suo montaggio ed il suo utilizzo.

[...]

Chi sono

TardoFreak - profilo

Nome: Steve Blackbird

Reputation: 73.378 8 12 13

Bio: Sviluppatore di software dal 1996 e camperista pirata da sempre, vedovo e padre di due figli. Attualmente in modalità "cerca di vivere al meglio perché forse hai ancora tre giorni di vita".

I miei ultimi post dal forum

Vai al Forum


Cerca nel blog di TardoFreak