Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

15
voti

373 LEPZ LINCE: un piezoelettrico molto delicato

Indice

Premessa

Mi e' capitato due volte lo stesso problema con questa "sirena da interno". Nonostante,il cambio del prodotto in garanzia,il problema si e' ripresentato. La sirena dopo una breve stornellata decide di non funzionare piu'. Ma che succede quando ti chiama il cliente a due giorni dalla partenza per le ferie e non puoi ottenere il ricambio?

A questo punto ho voluto vederci chiaro e ho deciso di smontare la sirena.


Smontaggio

Smontando la copertura superiore ho trovato il piezo nello stato in cui si vede nella foto:

1 rottura piezo.jpg

1 rottura piezo.jpg

la ceramica piezoelettrica e' in parte distrutta. Tuttavia ho voluto rimediare al problema fissando la parte rimasta con della "colla a caldo"

Riparazione con colla a caldo

2 bicomponente.jpg

2 bicomponente.jpg

Rimontaggio

3 incollaggio bordo.jpg

3 incollaggio bordo.jpg

Nel rimontare la copertura,ho incollato tutto il bordo premendo con forza.

Sirena montata e richiusa.

4 sirena piezo pronta.jpg

4 sirena piezo pronta.jpg

Fase di Test

7 ALIMENTAZIONE SCHEDA.jpg

7 ALIMENTAZIONE SCHEDA.jpg

Ho alimentato il circuito come previsto da istruzioni a +12Vcc. La "sirena piezo" ha funzionato,per 3 cicli di allarme consecutivi di 30 Sec.

Analisi all'oscilloscopio

Ho approfittato per vedere il segnale di uscita all'oscilloscopio. Sul piedino 8 dell'integrato si trova un segnale Sweep che spazzola da 1,2KHz a 1,9KHz. Quindi un po' difficile analizzarlo in modo trigger.

8 PIEDINO8.jpg

8 PIEDINO8.jpg

9 SWEEP.jpg

9 SWEEP.jpg

Schema Elettrico

Con tanta pazienza sono riuscito a rifare anche lo schema elettrico,per riparazioni future.

Il finale Audio

Mentre mi accingevo a fare un po' di misure,ecco che qualcosa non mi tornava! Il transistor siglato"H882" UNO SWITCHING POWER AMPLIFIER non funzionava bene,ovvero rispetto ai dati di targa del datasheet non erogava abbastanza potenza. Siccome non e' di facile reperibilita',ho provato a sostituirlo con un darlinghton "BD135"

5 TRANSISTOR AUDIO H882.jpg

5 TRANSISTOR AUDIO H882.jpg

6 TRANSISTOR DARLINGHTON BD135.jpg

6 TRANSISTOR DARLINGHTON BD135.jpg

Alimentando il circuito ho sentito ad orecchio subito le differenza! Ma non ero ancora soddisfatto. Questa volta ho puntato su un BD711:

12.jpg

12.jpg

13.jpg

13.jpg

Adesso la musica e' cambiata. La sirena puo' essere rimessa nel locale di origine.

Pilotaggio del trasformatore di uscita

Con il generatore di funzioni,ho pilotato separatamente il trasformatore di uscita. E' stato utile verificare il rapporto di Amplificazione,inniettando un segnale Sinusoidale sul primario a partire da 1050KHz fino ad arrivare a circa 4KHz, e verificare l'uscita del secondario con il canale 2 dell'oscilloscopio.


Esempio 1: Frequenza primario "1050 KHz" ampiezza segnale "4Vpp" canale 1 oscilloscopio (Volt/Div.)2V

16.jpg

16.jpg

18.jpg

18.jpg

  • Forma d'onda 1 canale 1 "4Vpp"(ampiezza più bassa)
  • Forma d'onda 2 canale 2 "10Vpp"(ampiezza piu' alta
17.jpg

17.jpg

La sirena ha funzionato provvisoriamente per 20 Giorni,ma cmq abbiamo deciso di sostituirla. Nel frattempo questo circuito lo terro' come scheda di scorta....che viste le probabilita' di malfunzionamento...non si sa mai quando puo' tornare utile.

11

Commenti e note

Inserisci un commento

di ,

hahah Brabus! Ha sto finendo di leggere il tuo articolo"PROGETTO DI UN CARICO ATTIVO CON STRUTTURA ANTISERIE" Spettacolare era quello che cercavo per implementare il mio piccolo laboratorio.

Rispondi

di ,

Wow! McGyver non regge il confronto! Ecco come riparare in extremis qualcosa di veramente critico, con un cliente alle calcagna. Bravo, ottima soluzione!

Rispondi

di ,

Grazie dell'osservazione Gdp. In realta' le resistenze da 1Mohm sono rispettivamente R6,R7 la R5 e' da 10Kohm. Il diodo che si vede nella foto lo volutamente omesso in quanto la tensione di alimentazione prevede una Vcc. Sull'alimentazione del trasformatore in effetti va messa la +Vcc di alim. Inoltre i transistor BD135 e BD711 sono comuni BJT. Provvedo a correggere lo schema.

Rispondi

di ,

Bene per la conclusione positiva del lavoro. A fine didattico per i lettori del blog, faccio osservare però che lo schema che hai riportato è errato: dalle foto si vedono resistenze R5 e R6 da 1Mohm che non ci sono nello schema, ed anche R2 da 2.2Mohm. Inoltre nello schema manca l'alimentazione +12V al trasformatore, che non la può certo prendere dalla resistenza 680R. Dalle foto sembra di vedere che tale alimentazione è derivata dal diodo D4, che non hai riportato sullo schema. Inoltre nessuno dei transistor citati BD135, HT882, e BD711 è darlington, si tratta di transistor NPN normali, con correnti max rispettivamente di 1.5, 3, e 12 A.

Rispondi

di ,

Grazie mir e grazie a tutti coloro che hanno apprezzato il lavoro.

Rispondi

di ,

Bellissimo articolo stefanob,un ottimo esempio di come si può apprendere/migliorare da un intervento di riparazione, veramente ben fatto. Complimenti per la realizzazione e la professionalità di intervento. Ottimo.

Rispondi

di ,

Complimenti, un ottima riparazione!

Rispondi

di ,

Forse la foto inganna e, quindi, non mi sbilancio troppo, ma ho quasi la certezza di sapere chi ha costruito la linea di montaggio di quei diffusori e, quindi, indirettamente, chi li produce. Però, appunto, la foto non mi dice tutto.

Rispondi

di ,

sarebbe interessante capire perché il piezo si rompa cosí di frequente; (di scarsa fattura, fase di assemblaggio...)

Rispondi

di ,

Grazie Paolino,considerando il periodo di Agosto a due giorni dalle ferie sono stato fortunato che tutto si e' risolto provvisoriamente.

Rispondi

di ,

Bene, una soluzione ragionata! Complimenti!

Rispondi

Inserisci un commento

Per inserire commenti è necessario iscriversi ad ElectroYou. Se sei già iscritto, effettua il login.