Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

telecomando di una timoneria

PLC, servomotori, inverter...robot

Moderatori: Foto Utentecarlomariamanenti, Foto Utentedimaios

0
voti

[1] telecomando di una timoneria

Messaggioda Foto Utenterenato01 » 3 ott 2019, 18:56

Buona sera a tutti, come funziona un circuito potenziometrico o un gruppo synchro che agisce su un telecomando elettrico di una pompa che deve inviare olio ad un attuatore?
Se ad esempio una nave mi va tutta a dritta e il timoniere sposta il timone, come si interfaccia questo comando con l'unita di potenza (mat + pompa)?
Avatar utente
Foto Utenterenato01
20 3
 
Messaggi: 25
Iscritto il: 29 ago 2019, 13:03

0
voti

[2] Re: telecomando di una timoneria

Messaggioda Foto Utentelelerelele » 4 ott 2019, 19:42

non conosco gli impianti delle navi, però se fossi in te cercherei di farmi un idea cercando online Servocomandi oppure servocontrolli, il metodo dovrebbe essere sempre quello, attuatori elettromeccanici a parte.

saluti.
Avatar utente
Foto Utentelelerelele
3.237 3 7 9
Master
Master
 
Messaggi: 3728
Iscritto il: 8 giu 2011, 8:57
Località: Reggio Emilia

0
voti

[3] Re: telecomando di una timoneria

Messaggioda Foto UtenteGuidoB » 4 ott 2019, 22:56

Non conosco il caso specifico, ma mi aspetterei un sistema ad anello chiuso (retroazionato).

Il potenziometro solidale al comando del timone, opportunamente collegato, traduce la posizione in un livello di tensione.
Un altro potenziometro collegato al timone traduce anch'esso la posizione in un livello di tensione.
Un amplificatore operazionale riceve i livelli di tensione dai due potenziometri e ne calcola la differenza.
Fin tanto che le due tensioni sono diverse, l'operazionale fornirà in uscita una tensione (positiva o negativa a seconda del segno della differenza) che opportunamente amplificata comanderà l'attuatore in un verso o nell'altro.
L'attuatore agirà in modo da ridurre la differenza di posizione fino a portarla (idealmente) a zero.

Le cose in realtà sono più complesse. È possibile che, per piccole differenze, l'operazionale fornisca una tensione proporzionale alla differenza, mentre per grandi differenze potrebbe volutamente saturare, cioè limitare l'escursione non oltre certi limiti, risultando pertanto un amplificatore non lineare che limita la velocità massima dell'attuatore.

Bisogna poi che il sistema sia stabile, cioè non vada in oscillazione intorno al punto di equilibrio (per molti sistemi si può verificare col diagramma di Nyquist). C'è una branca dell'ingegneria che si occupa dei controlli automatici.

Alla fine comunque il tutto sarà racchiuso in una scatoletta, una "centralina" che in base ai segnali di posizione in ingresso si occupa di fornire il giusto comando all'attuatore.
Big fan of ƎlectroYou!       Ausili per disabili e anziani su ƎlectroYou
Caratteri utili: À È É Ì Ò Ó Ù α β γ δ ε η θ λ μ π ρ σ τ φ ω Ω º ª ² ³ √ ∛ ∜ ₀ ₁ ₂ ₃ ₄ ₅ ₆ ∃ ∄ ∆ ∈ ∉ ± ∓ ∾ ≃ ≈ ≠ ≤ ≥
Avatar utente
Foto UtenteGuidoB
16,4k 7 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2500
Iscritto il: 3 mar 2011, 16:48
Località: Madrid

0
voti

[4] Re: telecomando di una timoneria

Messaggioda Foto Utenterenato01 » 5 ott 2019, 9:45

Si c'entra la retroazioni con comando di follow up, ti ringrazio ora mi è più chiaro!!!
Avatar utente
Foto Utenterenato01
20 3
 
Messaggi: 25
Iscritto il: 29 ago 2019, 13:03

1
voti

[5] Re: telecomando di una timoneria

Messaggioda Foto UtenteMarcoD » 5 ott 2019, 14:48

Avatar utente
Foto UtenteMarcoD
10,4k 5 9 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 5254
Iscritto il: 9 lug 2015, 16:58
Località: Torino


Torna a Automazione industriale ed azionamenti

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti