Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Impianto luce scale "personale"

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto Utentelillo

0
voti

[11] Re: Impianto luce scale "personale"

Messaggioda Foto UtenteilMatty » 9 giu 2019, 17:41

Buon pomeriggio a tutti.
Guarda Lux, io sono fresco di diploma da perito ai corsi serali e non sono ancora iscritto all'albo, lavoro per una ditta "tuttofare" che fa ristrutturazioni edili, in più avevano un classico elettricista ed un termotecnico che si occupa di idraulica, caldaie e simili.
Non so bene come sia andata ma l'elettricista si è licenziato (se i lavori erano questi non sono stupito) e visto che io sono recentemente rimasto a casa (ho lavorato 7 anni come meccanico di mezzi pesanti) ho accettato questo impiego senza fare troppo lo schizzinoso. Appena avrò dato l'esame per l'iscrizione all'albo valuterò di proseguire come libero professionista.
Della parte burocratica, fatture, certificazioni etc si occupa il mio datore, io sicuramente non firmo niente (anche perché, per un impianto del genere, non firmerei manco se dovessero mantenermi a vita).
A me è stato semplicemente fatto un elenco dei lavori da fare, mi hanno illustrato a grandi linee i problemi che ci sono e mi han detto "Tieni bassi i costi, fai sì che tutto funzioni".
Sinceramente gli accordi tra il mio datore ed il cliente non li conosco e non li voglio neanche conoscere, chi ha orecchie per intendere intenda.
Per il resto, su certe cose, mi sono proprio impuntato... Tipo l'impianto di terra ed i differenziali, ho visto girare dei bambini per casa e vedo anche che qui hanno il brutto vizio di mettere mano anche se non competenti, quantomeno che ci sia un minimo di sicurezza attiva.
Guarda Ivano, qui stanno facendo un grosso lavoro di ristrutturazione edile, divisione degli impianti idraulici etc; non danno peso all'impianto elettrico che, secondo me, dovrebbe essere tutt'altro che trascurato (un tetto che sta per cadere è pericoloso ma con le situazioni che ho visto i rischi di incendio, di folgorazione per contatto indiretto etc. si sprecano). Io, dal mio canto, ho stilato una lunga lista di lavori che andrebbero fatti per avere un impianto a regola d'arte; i lavori in questione comprendono divisione completa degli impianti, abbandono di tutte le vecchie condutture (se non addirittura estrazione ed eliminazione), scavo di nuove tracce, posa di corrugati idonei e ricablaggio totale dell'intera abitazione con calcolo delle portate effettive, calcolo della resistenza di terra etc. Mi è stato detto esplicitamente sia dal cliente che dal datore di procedere in modo differente integrando l'impianto esistente, io lo faccio, però ho già chiarito che non voglio alcuna responsabilità.
A questo punto parlerò anche col mio datore, forse è il caso di mettere per iscritto che io, in quanto installatore in questa fattispecie, non mi assumo nessuna responsabilità in caso di incidenti.
Dopotutto io sto facendo del mio meglio ma lavoro entro ristrettissimi limiti posti dal cliente, la parte di impianto realizzata da me è sicura e volendo anche certificabile, il resto sarebbe da strappar via e rifare.
Ho ben visto che nei condomini, di norma, le parti comuni (scale, giardino, cantine etc.) sono sotto un contatore a parte, qui non vogliono sostenere il costo di un ulteriore contratto.
L'incontro tra proprietari sarebbe stato una manna dal cielo, purtroppo però questa gente non si parla neanche, ci sono di mezzo cause legali, ognuno fa ciò che gli pare... Insomma, non voglio neanche provare ad immischiarmi. La soluzione adottata è abbastanza ridicola, stanno dividendo tutto in modi assurdi.
Per farvi un esempio il cortile, 3000 mq di cortile, non un giardinetto; 2 serie di lampioni una in fianco all'altra, 2 condutture una sotto ad un contatore ed una sotto all'altro, il tutto comandato separatamente dai due proprietari.
Cantina con due plafoniere, una sotto ad un contatore ed una sotto all'altra.
Adesso mi chiedono di realizzare un nuovo impianto scale separato.
In pratica ognuno si dota di ciò che ha bisogno ignorando completamente l'altro, non c'è nemmeno una lampadina comune al fine di evitare discussioni qualora si bruciasse.
E questo vale per tutto, in giardino 2 rubinetti per le canne dell'acqua, due accessi separati alla stessa cantina, persiane, porte e finestre tinteggiate di due colori differenti.
La controparte taglia il prato e si ferma a metà esatta, con tanto di segno fatto col metro.
Guardate signori io la cena a casa devo portarla, però la mia intenzione è quella di finire il lavoro il prima possibile (facendolo a modo certo) e di non avere più niente a che fare con questa gente perché inizio a sognarmeli la notte.
Interessante questo sistema combinatorio per eccitare il relè, esiste qualcosa di già implementato o devo realizzarlo io?
Nel caso come, porte logiche?
Saluti e grazie a tutti
Avatar utente
Foto UtenteilMatty
45 3
 
Messaggi: 20
Iscritto il: 8 apr 2016, 20:54

0
voti

[12] Re: Impianto luce scale "personale"

Messaggioda Foto UtenteGoofy » 9 giu 2019, 18:09

ilMatty ha scritto: "Tieni bassi i costi

Ci mancava solo questo :D
Auguri!
Domanda: avete un responsabile tecnico e l'abilitazione lettera a) DM 37/2008?
Avatar utente
Foto UtenteGoofy
6.533 3 4 8
Master
Master
 
Messaggi: 2136
Iscritto il: 10 dic 2014, 20:16

0
voti

[13] Re: Impianto luce scale "personale"

Messaggioda Foto Utentealbertagort » 9 giu 2019, 20:44

ilMatty ha scritto:Interessante questo sistema combinatorio per eccitare il relè, esiste qualcosa di già implementato o devo realizzarlo io?
Nel caso come, porte logiche?
Saluti e grazie a tutti


o che ti crei un circuito come questo, ma più semplice (secondo me bastano due tasti) http://www.raffaeleilardo.it/combo.htm , oppure probabilmente puoi mettere una normale tastiera apriporta, di quelle che si usano dove non c'è la chiave , ma si usa il codice
Avatar utente
Foto Utentealbertagort
369 4 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 229
Iscritto il: 30 set 2013, 18:34

0
voti

[14] Re: Impianto luce scale "personale"

Messaggioda Foto UtenteRedlight » 9 giu 2019, 23:31

E' giusto lavorare con passione e cervello anche quando si è dipendenti, ma francamente mi sembra che ti stai accollando preoccupazioni, problemi e responsabilità che dovrebbero essere soprattutto a carico del tuo datore di lavoro.
Avatar utente
Foto UtenteRedlight
48 5
New entry
New entry
 
Messaggi: 84
Iscritto il: 7 ago 2018, 15:28

0
voti

[15] Re: Impianto luce scale "personale"

Messaggioda Foto UtenteilMatty » 10 giu 2019, 0:47

Buonasera.
Già Goofy, costi bassi e poco tempo, lavorare così è uno schifo.
Ho fatto 5 anni a sentirmi dire di sovradimensionare gli impianti per ampliamenti futuri ed ora mi ritrovo a fare le cose al centesimo per spendere meno possibile.
L'azienda è iscritta e abilitata, il responsabile è uno esterno che viene e firma sulla fiducia, io non so proprio cosa dire.
Albertagort, capisco, un impiantino molto "analogico" per così dire... Interessante ma decisamente dispendioso a livello di tempo (che ahimè non ho), domani devo iniziare il lavoro e fare la lista del materiale che mi serve...
La parte di comando la lascerò per ultima in modo da pensarci un po' su, ad ogni modo suppongo che opterò per un classico pulsante a chiave o per una di quelle tastierine già fatte che mi citavi, lascerò la scelta al cliente.
Devo capire anche cosa preferisce tra un classico temporizzatore o un comando di accensione e spegnimento manuale...
Assolutamente Redlight, non sono responsabilità mie sulla carta...
Tuttavia qui nessuno mi sta dando direttive pratiche, le scelte sul tipo di impianto da realizzare, sui tipi di materiale da usare e sui dimensionamenti devo farle io in base alle richieste del cliente. Non esistono schemi né disegni se non quelli realizzati da me... Insomma, sono responsabilità morali non indifferenti, se qualcuno si fa male non voglio essere tirato in mezzo.
Anche perché diciamocelo chiaro, uno, quando lavora da solo, può anche sbagliare... Io ho lavorato tanti tanti anni in officina e, quando lavoravo su un mezzo, disponevo di consulti coi colleghi, dritte dai lavoratori più anziani, manuali etc. Qui si basa tutto su ciò che so io e nessuno sembra dar peso alla cosa, ho fatto calcoli importanti, tipo quelli della Re, delle portate etc. e nessuno li ha voluti vedere... Li ho rifatti 3 volte per sicurezza, ma se c'è un errore e durante un guasto a massa qualcuno si frigge?
Bah, ripeto, la cena a casa la devo portare ma comincio a capire il collega che s'è licenziato...
Avatar utente
Foto UtenteilMatty
45 3
 
Messaggi: 20
Iscritto il: 8 apr 2016, 20:54

0
voti

[16] Re: Impianto luce scale "personale"

Messaggioda Foto UtenteGoofy » 10 giu 2019, 7:35

Tieni duro e vai avanti così cercando di fare tutto quello che puoi.
Dal punto di vista teorico dovresti avere in mano il progetto redatto dal responsabile tecnico per poter fare i lavori, ma è fantascienza.
L'importante è che quello che fai tu sia a regola d'arte, se poi non viene eseguito tutto quello che è necessario non dovresti avere responsabilità (o almeno se fossi io il CTU non ti darei colpe)
Avatar utente
Foto UtenteGoofy
6.533 3 4 8
Master
Master
 
Messaggi: 2136
Iscritto il: 10 dic 2014, 20:16

0
voti

[17] Re: Impianto luce scale "personale"

Messaggioda Foto UtenteilMatty » 11 giu 2019, 16:00

Buondì.
Grazie per il sostegno Goofy, speriamo in bene.
Signori, vi chiederei un ulteriore consulto, sempre sull'impianto succitato.
Visto che le scale sono piene di lampade inutilizzate speravo di poter riutilizzare quelle, cosa rivelatasi impossibile poiché le stesse sono in condizioni pessime (portalampade in ceramica che si sgretolano, cavi saldati e non a morsetto, struttura completamente in metallo senza predisposizione del morsetto di terra etc.).
Mi trovo dunque a dover installare delle nuove lampade, il cliente non ha preferenze in merito eccetto per il prezzo, vuole che sia basso.
Direi che l'importante è che la luce venga molto diffusa, nel rispetto della richiesta del minimo impatto estetico l'idea sarebbe di installare meno punti luce possibile e di illuminare con quelli tutto l'ambiente.
Il mio progetto prevederebbe 3, massimo 4 punti luce.
La lampada in questione dovrebbe illuminare perlopiù sotto di essa, i gradini appunto.
Escluderei sistemi con led non sostituibili ed alimentatori, per questioni di spazio, di costo e di manutenzione... Punterei piuttosto su un classico portalampada E27 che garantisce una buona scelta di lampadine sia per forme che per potenze.
Dunque la scelta ricade tra faretti e proiettori, applique, plafoniere e simili.
Da tenere in considerazione che, in ogni caso, l'installazione è da effettuarsi a parete e non a soffitto, installazione esterna chiaramente, niente che sia ad incasso.
Le lampade originali sono delle classiche lampade da parete, stile anni '60, completamente in ottone con paralume in cristallo e portalampada E14.
Lo stile ovviamente non è questo ma lascio un'immagine per intenderci: Immagine
Ne posso vedere solo una in funzione (le altre come dicevo sono scollegate), tuttavia, potenza ridicola della lampadina a parte, noto che diffonde poco la luce verso il basso e la "spara" tutta verso l'alto, dove è inutile ovviamente.
Sarei pertanto più orientato verso un faretto da puntare verso il basso, però temo che la luce sarebbe un fascio e non verrebbe adeguatamente diffusa.
È meglio puntare su un'applique?
Grazie e saluti
Avatar utente
Foto UtenteilMatty
45 3
 
Messaggi: 20
Iscritto il: 8 apr 2016, 20:54

0
voti

[18] Re: Impianto luce scale "personale"

Messaggioda Foto UtenteSediciAmpere » 12 giu 2019, 18:06

Ma cosa te ne frega, mettici quelli che costano meno
Con tutti i problemi che hai...
Le persone sagge parlano perché hanno qualcosa da dire.
Le persone sciocche perché hanno da dire qualcosa.
Avatar utente
Foto UtenteSediciAmpere
1.083 2 5 7
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 1304
Iscritto il: 31 ott 2013, 15:00

0
voti

[19] Re: Impianto luce scale "personale"

Messaggioda Foto Utenteluxinterior » 12 giu 2019, 18:23

VIsto che fanno luce verso l'alto se riesci a sistemarle puoi provare a montarle girate di 180°
Così il proprietario non spende un cent.
Avatar utente
Foto Utenteluxinterior
2.507 2 4 8
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 1472
Iscritto il: 6 gen 2016, 17:48

1
voti

[20] Re: Impianto luce scale "personale"

Messaggioda Foto UtenteilMatty » 12 giu 2019, 22:33

:lol: Fantasiosa come soluzione quella della rotazione di 180°, non ci avrei mai pensato :lol:
Comunque alla fine ho optato per delle plafoniere semplici, bianche con vetro bianco, montate a parete.
La diffusione della luce è ottima.
Ho scelto le plafoniere e non le applique (che costavano uguale) per un discorso di pulizia, saranno pippe mentali mie ma, considerando la scarsa propensione alla manutenzione in quella casa, per pulire una plafoniera è sufficiente un panno umido... l'applique ahimè tende ad accumulare all'interno polvere, insetti morti etc.
Sedici, verissimo, questi sono problemi irrisori... Però credi, faccio davvero fatica a lasciare le cose al caso, è una situazione molto difficile ma ho tutta l'intenzione di fare un lavoro a modo.
Non gli darà peso nessuno e non farà alcuna differenza ma io, in cuor mio, saprò di aver lavorato come si deve.
O_/
Avatar utente
Foto UtenteilMatty
45 3
 
Messaggi: 20
Iscritto il: 8 apr 2016, 20:54

Precedente

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 79 ospiti