Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Amplificatore classe F

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto UtenteIsidoroKZ, Foto UtenteDirtyDeeds, Foto Utentecarloc, Foto UtenteBrunoValente, Foto Utenteg.schgor

0
voti

[1] Amplificatore classe F

Messaggioda Foto Utentemarco77na » 12 mar 2019, 15:01

Salve, nel'articolo seguente si dice che la tensione ai capi del drain o del collettore varia da '0 a 2VCC con valore medio pari a Vcc, chi mi sa spiegare il perché? questo superare la tensione di alimentazione Vcc è dovuto ai cicli di carica e scarica dei risonatori successivi?

saluti e grazie per le risposte

http://www.tecnoteca.it/tesi/pas/amplificatori/f


?% ?%
Avatar utente
Foto Utentemarco77na
11 3
 
Messaggi: 41
Iscritto il: 12 apr 2015, 15:37

1
voti

[2] Re: Amplificatore classe F

Messaggioda Foto UtenteIsidoroKZ » 13 mar 2019, 0:51

Sì, qualcosa del genere.

La tensione media è pari a VCC perché l'induttore di carico in continua è un pezzo di filo e ai suoi capi non ci può essere una tensione continua.

Il carico reattivo poi genera l'aumento di tensione in presenza di segnale. Nota che per avere una tensione fino a 2VCC non è necessario un risonatore, basta un induttore, vedi per esempio un ampli in classe A con trasformatore uscita.
Per usare proficuamente un simulatore, bisogna sapere molta più elettronica di lui
Plug it in - it works better!
Il 555 sta all'elettronica come Arduino all'informatica! (entrambi loro malgrado)
Se volete risposte rispondete a tutte le mie domande
Avatar utente
Foto UtenteIsidoroKZ
106,5k 1 3 8
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 18814
Iscritto il: 17 ott 2009, 0:00

0
voti

[3] Re: Amplificatore classe F

Messaggioda Foto Utentemarco77na » 13 mar 2019, 1:44

in effetti si il valore medio è la tensione di alimentazione perché l'induttore RFG è un filo per la continua poi quando la semionda di ingresso è positiva il transistor conduce quindi sul collettore è presente un treno di impulsi, la cui intensità si somma alla continua già presente sul collettore, tale treno di impulsi diventa poi una sinusoide sul carico per effetto del risonatore
Avatar utente
Foto Utentemarco77na
11 3
 
Messaggi: 41
Iscritto il: 12 apr 2015, 15:37


Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google Adsense [Bot] e 32 ospiti