Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Autocostruzione inverter 10VA

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto Utentecarloc, Foto UtenteDirtyDeeds, Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteIsidoroKZ, Foto UtenteBrunoValente

0
voti

[21] Re: Autocostruzione inverter 10VA

Messaggioda Foto Utenterichiurci » 23 ott 2018, 9:11

Jandrea grazie per l'indicazione, proprio il componente che mi mancava per alcune mie sperimentazioni, e sembra si trovi anche in vendita online :ok:

Il discorso sull'efficienza di lelerelele è infondato, proprio alimentando lunghe serie di LED si minimizza la perdita nel regolatore lineare e si possono ottenere efficienze molto elevate con una regolazione precisa della corrente, e senza usare complessi circuiti di switching (che tendono anche ad emettere disturbi elettromagnetici)
Avatar utente
Foto Utenterichiurci
29,1k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 7985
Iscritto il: 2 apr 2013, 16:08

0
voti

[22] Re: Autocostruzione inverter 10VA

Messaggioda Foto Utentelelerelele » 23 ott 2018, 9:44

richiurci ha scritto:Il discorso sull'efficienza di lelerelele è infondato
Veramente?

io ho usato 25 led, questi
https://it.aliexpress.com/item/Free-Shipping-100pcs-lot-1210-3528-SMD-LED-Ultra-Bright-Blue-Light-Diode-470-475NM-3/32358505982.html?spm=2114.13010708.0.0.3a994c4dnMXhgn
da 20mA e 3.2V

fanno 3.2*0.02*25=1.6W di led, (effettivi)
alimentandoli a 250V otteniamo, 250*0.02=5W (che paghiamo)

per una differenza di 5-1.6=3.4W buttati

con l'IC prposto la misura del rendimento 25*3.2/250= 0.32, mi pare decisamente basso.

se per te è infondato?

E ti ho fatto un esempio con bassissime potenze, se ti riportassi un altro esempio di lampada da 50W ottenuta con led da 350mA l'evidenza sarebbe notevole, ricordo che in tutti i casi esposti ho "ovviamente" messo tutti i led in serie senza alcuna caduta di tensione accessoria se non il minimo necessario alla lettura della corrente da stabilizzare.

Poi se vogliamo parlare di EMC possiamo farlo, ma non in termini di potenze.

saluti.
Avatar utente
Foto Utentelelerelele
2.419 3 7 9
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2783
Iscritto il: 8 giu 2011, 8:57
Località: Reggio Emilia

0
voti

[23] Re: Autocostruzione inverter 10VA

Messaggioda Foto Utenterichiurci » 23 ott 2018, 10:16

mmmm...non ho ancora capito bene come funziona il componente, ma il tuo impiego oltre a essere inefficiente probabilmente ne causerebbe la rottura: come tutti i regolatori lineari non puoi far cadere ai suoi capi la tensione che vuoi, perché dissiperebbe troppo.

Il data sheet riporta una formuletta per calcolare il numero dei LED in serie che credo sia MANDATORIA.

E' scritto male ma sembra che con 30mA Vout min sia 4,6V. Tu devi scegliere il numero di LED in modo da avere ai capi del componente una tensione poco superiore a questa, quindi per es con una 230V raddrizzata, circa 300V in continua, se Vled=3V vengono fuori 97-98 LED in serie!

Se ne vuoi (o devi) mettere meno ti tocca fare la partizione capacitiva solita... ma questo componente ti permette di alimentare i LED a corrente costante, e non più o meno impulsiva come la corrente che ottieni da un semplice ponte di diodi.

Insomma va usato con attenzione, ma permette di evitare switching che di solito hanno rendimenti anche "bassi", es 80%.

Con questo componente se alimenti 90 LED in serie ottieni un rendimento del 90%, non banale da ottenere con uno switching da pochi centesimi di euro
Avatar utente
Foto Utenterichiurci
29,1k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 7985
Iscritto il: 2 apr 2013, 16:08

0
voti

[24] Re: Autocostruzione inverter 10VA

Messaggioda Foto Utentelelerelele » 23 ott 2018, 10:30

da quanto ne ho capito io, Foto Utenterichiurci, forse sbaglio, non ho visto alcun componente reattivo, che controllato ad impulsi porterebbe ad un trasferimento di energia senza perdite, quindi ho in componente che dissipa.

Da datasheets lo danno con tensione di uscita minima di 6.5V, quindi alimentato a rete la rimanenza della tensione se la "ciuccia" lui, anche se la serie di led diciamo arrivi a 150V, comunque il resto è dissipato.

Considerato che il componente è in serie con i led, la corrente dei led deve essere la stessa del componente che comportandosi come resistivo la dissipa interamente. Ho guardato più volte se trovavo la dissipazione massima ammessa, (che riterrei quasi d'obbligo), ma non l'ho trovata.

a meno di avere interpretato male il datasheets non mi viene neanche voglia di provarlo.

Se lo provi posta i risultati, vediamo di capirci dentro qualcosa in più.

saluti.
Avatar utente
Foto Utentelelerelele
2.419 3 7 9
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2783
Iscritto il: 8 giu 2011, 8:57
Località: Reggio Emilia

0
voti

[25] Re: Autocostruzione inverter 10VA

Messaggioda Foto Utenterichiurci » 23 ott 2018, 10:35

esatto, il trucco sta proprio nel far cadere ai suoi capi la tensione minima possibile e inviare tutto il resto ai capi dei LED.

Avevo tentato tempo fa di farlo con un LM classico, in un circuito alimentato con ponte di diodi da rete... ma i transitori di accensione facevano cadere ai capi di LM tensioni ben superiori ai 30-40V max accettati, con rottura immediata.

Questo in pratica sembra un regolatore lineare che accetta in ingresso tensioni di centinaia di V.

Resta in capo al progettista fare in modo che, a parte i transitori veloci, la tensione ai capi di esso sia minima per minimizzare le perdite ohmiche.

Sono preso dai test sullo scaldaacqua istantaneo, per un test su questo componente temo dovrai aspettare un bel po' :mrgreen:
Avatar utente
Foto Utenterichiurci
29,1k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 7985
Iscritto il: 2 apr 2013, 16:08

1
voti

[26] Re: Autocostruzione inverter 10VA

Messaggioda Foto Utentestefanodelfiore » 23 ott 2018, 23:52

La potenza massima dissipata dal componente la si può ricavare dalla resistenza termica giunzione ambiente che è data in particolari condizioni di area di rame e spessore sotto il componente e tipo di contenitore e la sua massima temperatura di lavoro. Se si considera l'are di rame di 200 mm^2 e spessore come da datasheet, il contenitore TO252-2 e una temperatura ambiente di 40°C, la massima potenza dissipata è intorno ai 0,9 W.
A pag.6 del data sheet si precisa che quando usato da rete il circuito se la caduta offerta dalla serie dei led non è sufficiente di usare un condensatore in serie alla rete stessa.
A pag.8 il circuito alimentato da rete senza condensatore per le prove emc, utilizza una serie di 85 led. Tenendo conto di una caduta di 3,5 V a led la serie completa ha una caduta di 297,5 V. Con una corrente impostata nel circuito a 27 mA si può calcolare la potenza dissipata dall'integrato che è decisamente bassa.

Stefano
Avatar utente
Foto Utentestefanodelfiore
863 2 4
Expert
Expert
 
Messaggi: 241
Iscritto il: 28 mar 2009, 20:15
Località: Bologna

0
voti

[27] Re: Autocostruzione inverter 10VA

Messaggioda Foto Utentelelerelele » 24 ott 2018, 9:39

Bene Foto Utentestefanodelfiore, bella analisi.

Infatti avrei gia espresso il mio stupore in merito alla massima potenza dissipabile dell'IC che non sono riuscito a trovare sul datasheets.

Per la direttiva BT, l'apparecchio deve funzionare regolarmente con livelli di tensione di alimentazione di -10% e +5%, se parto dalla tensione di 230V -10% fanno 207V, il valore di picco sarebbe 292V, che nel caso dei led alimentabili a 297.5V sarebbero del tutto spenti, anche considerato che l'IC deve lavorare con una tensione minima ad i capi di 6V.
Considerato i 230V+5% arriviamo a 241V, quindi la differenza entro cui dovremmo lavorare sarebbe come minimo di 50V, sempre dissipati dall'IC.

Continua a non piacermi affatto.

saluti.
Avatar utente
Foto Utentelelerelele
2.419 3 7 9
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2783
Iscritto il: 8 giu 2011, 8:57
Località: Reggio Emilia

1
voti

[28] Re: Autocostruzione inverter 10VA

Messaggioda Foto Utenterichiurci » 24 ott 2018, 9:56

Beh non è proprio così tragica la questione, perché i LED non si "spengono" anzi in parte c'è una retroazione: se la tensione di rete cala cala l'assorbimento dai LED, ma allora la tensione media ai capi del condensatore di livellamento risale in parte.

Comunque anche considerando quei 40-50V di variazione di tensione, se dimensioni correttamente il tutto dovrai dissipare sul componente al massimo 1-1,5W.

Comunque è un integrato usato in lampadine a filamento LED di marca, probabilmente accettano un lieve calo di luminosità in caso di calo di tensione di rete...e la potenza dissipata sull'integrato diminuisce
Avatar utente
Foto Utenterichiurci
29,1k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 7985
Iscritto il: 2 apr 2013, 16:08

0
voti

[29] Re: Autocostruzione inverter 10VA

Messaggioda Foto Utentelelerelele » 24 ott 2018, 10:03

richiurci ha scritto:Beh non è proprio così tragica la questione, perché i LED non si "spengono" anzi in parte c'è una retroazione: se la tensione di rete cala cala l'assorbimento dai LED, ma allora la tensione media ai capi del condensatore di livellamento risale in parte.
Devi scusaarmi, non vorrei essere polemico, però nell'esempio fatto, con 85 led, ed avrebbero una caduta di tensione complessiva di 297V, se alimenti il tutto con 292V per me rimangono spenti.

No?
Avatar utente
Foto Utentelelerelele
2.419 3 7 9
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2783
Iscritto il: 8 giu 2011, 8:57
Località: Reggio Emilia

1
voti

[30] Re: Autocostruzione inverter 10VA

Messaggioda Foto UtenteSandroCalligaro » 24 ott 2018, 10:34

SediciAmpere ha scritto:Non devo venderli, ma noleggiarli, me se servono 20
Faccio qualche passio indietro...
Ho capito bene, vuoi costruirli per poi noleggiarli?
Se fosse così, al di là delle questioni tecniche, sinceramente mi preoccuperei molto di più delle responsabilità...
Avatar utente
Foto UtenteSandroCalligaro
2.281 4 5
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 968
Iscritto il: 6 ago 2015, 19:25

PrecedenteProssimo

Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 18 ospiti