Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Gruppo pompe antincendio: due elettropompe

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMike, Foto Utentelillo, Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago

0
voti

[11] Re: Gruppo pompe antincendio: due elettropompe

Messaggioda Foto UtenteJAndrea » 14 mag 2018, 20:01

Non si può realizzare qualcosa di diverso da quanto presentato al comando senza la loro approvazione.

Senza ombra di dubbio, se si facessero correzioni al progetto originale si dovrebbe poi presentarlo nuovamente per approvazione.

Però Mike io non ho capito la tua opinione sulla questione.
Al di là dell'approvazione, il fatto che la realizzazione non sembri rispettare la UNI 12845, è per te un problema o no?
Avatar utente
Foto UtenteJAndrea
2.967 2 5 9
Master
Master
 
Messaggi: 1604
Iscritto il: 16 giu 2011, 15:25
Località: Rovigo

3
voti

[12] Re: Gruppo pompe antincendio: due elettropompe

Messaggioda Foto UtenteGoofy » 15 mag 2018, 7:30

JAndrea ha scritto:
Al di là dell'approvazione, il fatto che la realizzazione non sembri rispettare la UNI 12845, è per te un problema o no?


Il DM 20/12/2012 richiede che gli impianti siano realizzati a regola d'arte secondo la definizione
"Regola dell'arte: stadio dello sviluppo raggiunto in un determinato momento storico dalle capacità tecniche relative a prodotti, processi o servizi, basato su comprovati risultati scientifici, tecnologici o sperimentali. Fermo restando il rispetto delle disposizioni legislative e regolamentari applicabili, la presunzione di regola dell'arte è riconosciuta alle norme emanate da Enti di normazione nazionali, europei o internazionali"

Se un professionista antincendio avesse progettato il sistema seguendo integralmente qualche norma diversa dalle UNI 10779 e UNI 12845 che consentisse le due elettropompe, il lavoro sarebbe considerato a regola d'arte. In caso contrario bisogna trovare il modo di dimostrare la rispondenza alla regola d'arte della installazione.
Avatar utente
Foto UtenteGoofy
7.108 3 4 8
Master
Master
 
Messaggi: 2421
Iscritto il: 10 dic 2014, 20:16

1
voti

[13] Re: Gruppo pompe antincendio: due elettropompe

Messaggioda Foto UtenteMike » 15 mag 2018, 8:53

JAndrea ha scritto:Al di là dell'approvazione, il fatto che la realizzazione non sembri rispettare la UNI 12845, è per te un problema o no?

Come ha scritto Foto UtenteGoofy le norme non sono obbligatorie almeno che non siano espressamente citate da una legge, il DM 20/12/2012 ha volutamente copiato l'unica legge che salvo di questo paese: L. 186/68.
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
--
Quello che non comprendi con l'insegnamento, lo imparerai, a tue spese, con l'esperienza. (MMGM)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,9k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14279
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

0
voti

[14] Re: Gruppo pompe antincendio: due elettropompe

Messaggioda Foto Utentee7o7 » 15 mag 2018, 11:22

Giusto per discuterne, in questo impianto con due elettro pompe,
garantiamo la selettività totale del guasto di una rispetto all'altra, e
quindi anche al cortocircuito? Cioè doppia partenza
dal contatore elettrico con circuiti indipendenti?

Forse quel che si è risparmiato sostituendo la motopompa con
un elettropompa si spende di elettricista.
Avatar utente
Foto Utentee7o7
182 3 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 205
Iscritto il: 10 ott 2011, 17:14
Località: Veneto

0
voti

[15] Re: Gruppo pompe antincendio: due elettropompe

Messaggioda Foto UtenteGiuliano58 » 15 mag 2018, 15:14

e7o7 ha scritto:Giusto per discuterne, in questo impianto con due elettro pompe,
garantiamo la selettività totale del guasto di una rispetto all'altra, e
quindi anche al cortocircuito? Cioè doppia partenza
dal contatore elettrico con circuiti indipendenti?

Forse quel che si è risparmiato sostituendo la motopompa con
un elettropompa si spende di elettricista.


Se e ripeto "se" vengono mantenute le sole due elettropompe, ho imposto che almeno vi siano due partenze indipendenti, con cavi resistenti al fuoco e con percorso distinto.
Nel frattempo, forte dei vostri consigli (grazie), sto discutendo con il professionista per alimentare una delle pompe da un gruppo elettrogeno già presente e dedicato.
So che non rispettiamo a pieno la UNI 12845, non avendo una motopompa. Ma ormai le due pompe nuove sono presenti pagate :mrgreen:
Avatar utente
Foto UtenteGiuliano58
389 1 4 6
Expert
Expert
 
Messaggi: 578
Iscritto il: 14 ott 2009, 10:06

0
voti

[16] Re: Gruppo pompe antincendio: due elettropompe

Messaggioda Foto UtenteGiuliano58 » 17 mag 2018, 16:44

Chiarito questo punto e vi ringrazio, ne approfitto per chiedervi ulteriori lumi.....
Se non dimentico niente nel locale pompe occorre prevedere una illuminazione normale e una di emergenza, una presa di servizio e una presa per la stufetta.
La pompa jolly è alimentata da uno dei quadri pompe di pressione

Allo scopo può essere realizzato un "quadro servizi" alimentato dal quadro generale di BT.
Questo quando deve essere nello stesso locale del gruppo pompe?
Questo perché mi verrebbe comodo realizzarlo in un locale adiacente, e alimentare anche i carichi di questo locale (luce, prese)

Grazie
Avatar utente
Foto UtenteGiuliano58
389 1 4 6
Expert
Expert
 
Messaggi: 578
Iscritto il: 14 ott 2009, 10:06

1
voti

[17] Re: Gruppo pompe antincendio: due elettropompe

Messaggioda Foto Utenteattilio » 17 mag 2018, 18:09

Giuliano58 ha scritto:Se non dimentico niente nel locale pompe occorre prevedere una illuminazione normale e una di emergenza, una presa di servizio e una presa per la stufetta.

Dimentichi? Su quale base pensi di dimenticare qualcosa?
Io mi chiedo in un mondo senza norme, che mi sembrano troppo spesso assunte al ruolo di "comandamenti", cosa e come lavoreremmo!
Ma lo deve dire una norma che in un locale tecnico ci va l'illuminazione?
Lo deve dire una norma che è bene prevedere almeno una presa di corrente? [io oggi ti direi due, perché è giusto che quando va il manutentore possa mettere a caricare il suo cazzo di smartphone]
Ma una stupida lampada d'emergenza quanto incide nel costo dell'opera? Fai prima a prevederla di default se pensi minimamente che abbia una sua utilità, che non andare a vedere se è richiesta o meno
La presa per la stufetta? A che serve la stufetta? Contro la condensa? Che valutazioni hai fatto?

Le norme che entrano troppo nel merito delle installazioni, hanno generato solo mostri e paradossi, questo il mio pensiero
-----

Poi volutamente ti rispondo senza guardare cosa dicono le norme su:

Giuliano58 ha scritto:Allo scopo può essere realizzato un "quadro servizi" alimentato dal quadro generale di BT.
Questo quando deve essere nello stesso locale del gruppo pompe?
Questo perché mi verrebbe comodo realizzarlo in un locale adiacente, e alimentare anche i carichi di questo locale (luce, prese)

quadro servizi → stessa cosa del quadretto d'appartamento [aspettiamo però che la norma imponga anche dove cazzo mettere i quadri e siamo a posto!]
ovvio che se le prese di servizio le monti sul quadro stesso, se vai a mettere il quadro da un'altra parte è finita la comodità della presa di servizio
poi di solito, chi è interessato a queste cose è chi conosce l'impianto, non il turista che viene da fuori, quindi se mentre sta usando il flex gli salta la protezione per corto, si presume che egli sappia dove sta il quadro di pertinenza

non lo so forse dovrei andare a lavorare su Marte
Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera


Salvatore Quasimodo
Avatar utente
Foto Utenteattilio
59,6k 8 12 13
free expert
 
Messaggi: 8790
Iscritto il: 21 gen 2007, 14:34

Precedente

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 69 ospiti