Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

dubbi su rispondenza

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMike, Foto Utentelillo, Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago

0
voti

[1] dubbi su rispondenza

Messaggioda Foto Utentegattogiallo » 16 gen 2018, 17:56

Ciao,
ho commissionato a un professionista una dichiarazione di rispondenza dell'impianto elettrico di un appartamento. Egli mi ha dato un documento che non mi convince, e ho il dubbio che non sia valido, per cui vorrei chiedere la vostra opinione.
Egli ha fatto un sopralluogo nell'appartamento per fare delle verifiche visive e strumentali e mi ha indicato gli interventi che dovevo fare per avere la rispondenza. Dopo che ho fatto eseguire questi interventi, è venuto nell'appartamento un suo collaboratore, il quale ha controllato visivamente che siano stati fatti gli interventi, ma non ha fatto prove strumentali. Dopodiché mi è stata inviata per mail la Diri in formato pdf (non ho quindi il cartaceo).
Il timbro e la firma non sono autografi, ma sono fotografati e incollati sul pdf.
Nella relazione c'è un elenco di verifiche/prove, però accanto a ognuna non è indicato nulla se l'esito sia positivo o negativo. C'è soltanto un mero elenco di verifiche/prove.
Non c'è nessuno schema di impianto e nessuna planimetria.
Non è allegato il certificato di conformità dell'elettricista che ha eseguito gli interventi di adeguamento (anzi il professionista incaricato della diri non me l'ha nemmeno chiesto).
Ecco vorrei chiedere se una rispondenza così redatta sia valida. Tenete presente che devo affittare l'appartamento e quindi dovrei allegarla al contratto di affitto.
Che cosa ne pensate?
Avatar utente
Foto Utentegattogiallo
20 2
 
Messaggi: 8
Iscritto il: 4 nov 2016, 23:10

1
voti

[2] Re: dubbi su rispondenza

Messaggioda Foto UtenteMike » 16 gen 2018, 20:12

gattogiallo ha scritto:Egli ha fatto un sopralluogo nell'appartamento per fare delle verifiche visive e strumentali e mi ha indicato gli interventi che dovevo fare per avere la rispondenza.

Indicato? Non ha rilasciato una relazione sugli esiti della verifica? Non ha descritto i metodi utilizzati? Non ha riportato nella relazione quali adeguamenti fossero necessari per l'adeguamento e il motivo?
gattogiallo ha scritto: Dopo che ho fatto eseguire questi interventi, è venuto nell'appartamento un suo collaboratore, il quale ha controllato visivamente che siano stati fatti gli interventi, ma non ha fatto prove strumentali.

Non erano strettamente necessarie, dipende dagli interventi di adeguamento richiesti.
gattogiallo ha scritto: Dopodiché mi è stata inviata per mail la Diri in formato pdf (non ho quindi il cartaceo).

Non è un problema, anzi, meglio il documento elettronico che il cartaceo.
gattogiallo ha scritto:Il timbro e la firma non sono autografi, ma sono fotografati e incollati sul pdf.

Anche questo non è un problema se il pdf è firmato elettronicamente.
gattogiallo ha scritto:Nella relazione c'è un elenco di verifiche/prove, però accanto a ognuna non è indicato nulla se l'esito sia positivo o negativo. C'è soltanto un mero elenco di verifiche/prove.

Direi che non va bene.
gattogiallo ha scritto:Non c'è nessuno schema di impianto e nessuna planimetria.

Non è obbligatorio e a volte nemmeno necessario, soprattutto per piccoli impianti. Per i grandi impianti la documentazione dovrebbe essere presente, se non c’è è possibile effettuare lo stesso le verifiche e il professionista farà i propri rilievi ma non è obbligato a rilasciare schemi o disegni, almeno che non venga incaricato a parte anche della redazione della documentazione di rilievo dello stato di fatto.
gattogiallo ha scritto:Non è allegato il certificato di conformità dell'elettricista che ha eseguito gli interventi di adeguamento (anzi il professionista incaricato della diri non me l'ha nemmeno chiesto).

Strano, dovrebbe almeno citarlo nella sua DIRI.
gattogiallo ha scritto:Ecco vorrei chiedere se una rispondenza così redatta sia valida. Tenete presente che devo affittare l'appartamento e quindi dovrei allegarla al contratto di affitto.
Che cosa ne pensate?

Difficile dirlo. Potrebbe essere valida, perché, indipendentemente da come è prodotta e se mancano gli allegati, quello che conta è il “pezzo di carta” DIRI secondo il DM 37/08 e che sia firmata (elettronicamente va bene uguale); per assurdo volendo può redigere solo il pezzo di carta anche senza aver fatto sopralluoghi e verifiche, è un problema suo e se ne assume la completa responsabilità, ovviamente non è professionale e fuori deontologia, era solo per far capire che comunque quel “pezzo di carta” è valido a tutti gli effetti perché tu non sei un operatore professionale e ti sei affidato ad un professionista.
Sempre che tu abbia verificato che sia iscritto all’albo professionale per le competenze richieste e che abbia almeno 5 anni di esperienza. Se non hai verificato le competenze e ti sei affidato al primo che capita o a quello che costa meno senza averne valutato la professionalità (CV, ecc.) in caso di infortunio potresti essere chiamato in causa per “colpa in eligendo”
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
--
Quello che non comprendi con l'insegnamento, lo imparerai, a tue spese, con l'esperienza. (MMGM)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,9k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14279
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

0
voti

[3] Re: dubbi su rispondenza

Messaggioda Foto Utentegattogiallo » 16 gen 2018, 23:24

Ciao Mike,
cerco di fare le precisazioni che mi chiedi.
Dicendo "indicato" intendevo che, dopo il primo sopralluogo, egli mi ha dato una relazione contenente una lista degli adeguamenti da fare per avere la rispondenza. Non c'è scritto nulla riguardo al motivo per cui erano necessari e nemmeno riguardo agli esiti della verifica e ai metodi usati.
Altro che firma elettronica o digitale! Qui non c'è altro che la fotografia del timbro professionale+firma incollata in pdf, pensa che il timbro è ellittico invece che circolare e sta in un rettangolino con sfondo di colore diverso dal resto del testo. Quindi, in pratica, il documento non è né timbrato, né firmato! In futuro egli potrebbe anche disconoscerlo e dire che non lo ha redatto lui. Anche nella relazione seguente al primo sopralluogo c'è questa fotografia incollata, ma all'epoca non ci avevo fatto caso.
La Conformità non è proprio menzionata.
Il professionista avrebbe i requisiti.
Secondo me, un documento del genere non ha nessun valore, e a darlo all'inquilino, finisce solo che mi metto solo nei guai.
Avatar utente
Foto Utentegattogiallo
20 2
 
Messaggi: 8
Iscritto il: 4 nov 2016, 23:10

5
voti

[4] Re: dubbi su rispondenza

Messaggioda Foto Utentesebago » 17 gen 2018, 9:08

Mi pare di capire che le perplessità di Foto Utentegattogiallo sulla "non rotondità" del timbro siano da collegarsi al suo sospetto (per usare un eufemismo) della mancata firma digitale del documento che gli è stato rilasciato, e dunque sulla sua conseguente nullità.
La geometria non c'entra un fico secco, al pari del solito mantra de "l'importante è che l'impianto sia fatto bene, non che i documenti siano a posto": il che parrebbe un'ovvietà ma troppo spesso dimentica che l'utente non è un esperto (e infatti si affida a un professionista), e ha tutto il diritto che non solo gli impianti ma anche i documenti che gli vengono consegnati, nei quali c'è un'assunzione di responsabilità da parte del tecnico esecutore, siano a posto.
Sarebbe quasi come andare a comprare una lavatrice e preoccuparsi solo se "funziona bene", sorvolando sul fatto che il manuale e i documenti sulla garanzia siano scritti sulla carta del formaggio e firmati da Topo Gigio.
Sebastiano
________________________________________________________________
"Eo bos issettaìa, avanzade e non timedas / sas ben'ennidas siedas, rundinas, a domo mia" (P. Mossa)
Avatar utente
Foto Utentesebago
15,4k 4 10 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2093
Iscritto il: 1 apr 2005, 19:59
Località: Orune (NU)

0
voti

[5] Re: dubbi su rispondenza

Messaggioda Foto Utenteatomorama » 17 gen 2018, 9:28

Per curiosità: quanto ti ha chiesto per questo tipo di documento?

Saluti
Avatar utente
Foto Utenteatomorama
809 1 3 8
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 875
Iscritto il: 1 gen 2015, 17:04

2
voti

[6] Re: dubbi su rispondenza

Messaggioda Foto UtenteMike » 17 gen 2018, 10:04

gattogiallo ha scritto:Dicendo "indicato" intendevo che, dopo il primo sopralluogo, egli mi ha dato una relazione contenente una lista degli adeguamenti da fare per avere la rispondenza. Non c'è scritto nulla riguardo al motivo per cui erano necessari e nemmeno riguardo agli esiti della verifica e ai metodi usati.

Metodo decisamente inadeguato. Il committente, che ci mette i propri soldi, ha il diritto di sapere perché deve spenderli per l'adeguamento e per cosa. Inoltre andrebbe anche coinvolto, nel senso che se per adeguare l'impianto ai requisiti minimi di sicurezza si spenderebbe 100, ma spendendo 110 si può rifare parte dell'impianto nuova aumentandone anche le prestazioni, è giusto che il committente possa essere messo in condizione di scegliere.
gattogiallo ha scritto:Quindi, in pratica, il documento non è né timbrato, né firmato! In futuro egli potrebbe anche disconoscerlo e dire che non lo ha redatto lui.

Difficile, almeno che non sia stato liquidato in nero, ma non impossibile. Comunque, ci fosse anche il timbro perfettamente rotondo non cambierebbe nulla, se consegnato il formato elettronico deve avere la firma digitale.
gattogiallo ha scritto:La Conformità non è proprio menzionata.

Questo è un errore suo, redige una DIRI dove prescrive degli interventi, senza aver verificato che tali interventi siano stati realizzati. Normalmente si rilascia la DIRI solo dopo aver acquisito la DICO che viene citata all'interno. In ogni caso è un suo problema, in caso di infortunio quando verrà chiamato in causa dovrà dimostrare di aver agito con: competenza, perizia e prudenza. Direi che una delle tre manchi all'appello, se non tutte e tre.
gattogiallo ha scritto:Il professionista avrebbe i requisiti.
Secondo me, un documento del genere non ha nessun valore, e a darlo all'inquilino, finisce solo che mi metto solo nei guai.

Nei guai no di certo, più che altro avresti buttato via risorse. Contatta formalmente il professionista e richiedigli copia con firma elettronica o copia originale timbrata e firmata, ne hai tutto il diritto. Una volta acquisita, consegna copia assieme alla DICO all'inquilino. La responsabilità dell'impianto esistente è tutta in capo al professionista (secondo quando dichiarato sulla DIRI, che è un atto pubblico e quindi perseguibile penalmente se mendace) e all'installatore solo per la quota a parte di adeguamenti realizzati e dichiarati con la DICO.
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
--
Quello che non comprendi con l'insegnamento, lo imparerai, a tue spese, con l'esperienza. (MMGM)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,9k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14279
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

5
voti

[7] Re: dubbi su rispondenza

Messaggioda Foto Utentesebago » 17 gen 2018, 11:12

il problema non è il fatto che il timbro sia ellittico, ma che induca il sospetto che il documento non sia regolarmente firmato. Potrebbe essere anche tondissimo ma essere ugualmente farlocco.
E un documento non firmato vale quanto la carta di cui sopra.
Ma chi paga ha il sacrosanto diritto di ricevere anche le carte in regola, allo stesso identico modo di avere gli impianti a regola d'arte, visto che quel documento indica chi si assume la responsabilità di dichiarali tali.
Sebastiano
________________________________________________________________
"Eo bos issettaìa, avanzade e non timedas / sas ben'ennidas siedas, rundinas, a domo mia" (P. Mossa)
Avatar utente
Foto Utentesebago
15,4k 4 10 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2093
Iscritto il: 1 apr 2005, 19:59
Località: Orune (NU)

0
voti

[8] Re: dubbi su rispondenza

Messaggioda Foto Utentee7o7 » 17 gen 2018, 11:35

sebago ha scritto:il problema non è il fatto che il timbro sia ellittico, ma che induca il sospetto che il documento non sia regolarmente firmato. Potrebbe essere anche tondissimo ma essere ugualmente farlocco.


ma basta che l'OP chieda l'originale... (cosa che non
dice di aver fatto)....
mai visto nessuno negare a un cliente che ha pagato
il diritto di andare a ritirare presso il suo studio l'originale
dei documenti.

Evidentemente l'OP non è soddisfatto,
ma, non vedo nulla di sbagliato nel lavoro del collega.
Avatar utente
Foto Utentee7o7
182 3 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 205
Iscritto il: 10 ott 2011, 17:14
Località: Veneto

2
voti

[9] Re: dubbi su rispondenza

Messaggioda Foto UtenteMike » 17 gen 2018, 11:44

e7o7 ha scritto:Evidentemente l'OP non è soddisfatto,
ma, non vedo nulla di sbagliato nel lavoro del collega.

Al netto delle osservazioni sul "presunto" operato, presunto perché nessuno di noi ha visionato la documentazione e ricostruito i fatti, si può solo affermare che il professionista ha avuto una condotta poco professionale. Se poi, alla richiesta del committente non fornisce la documentazione in originale timbrata e firmata, oppure, in formato elettronico con firma digitale, il committente ha il diritto di segnalare il fatto all'albo di appartenenza.
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
--
Quello che non comprendi con l'insegnamento, lo imparerai, a tue spese, con l'esperienza. (MMGM)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,9k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14279
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

3
voti

[10] Re: dubbi su rispondenza

Messaggioda Foto Utentegattogiallo » 17 gen 2018, 11:59

La precisazione "sull'ellitticità" era solo per provare che il timbro è una foto e non è autografo, idem la firma. Ringrazio chi ha compreso questo e mi ha dato delucidazioni.
Avatar utente
Foto Utentegattogiallo
20 2
 
Messaggi: 8
Iscritto il: 4 nov 2016, 23:10

Prossimo

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 80 ospiti