Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Un'eco molto strana

Problemi curiosi e quiz vari.

Moderatore: Foto Utentecarlomariamanenti

0
voti

[21] Re: Un'eco molto strana

Messaggioda Foto UtenteCarlo51 » 8 feb 2017, 11:46

Non posso fare davvero a meno di ringraziare Foto Utentesetteali per il suo gradito apprezzamento, e nemmeno il sabaudo Foto UtenteCarloCoriolano per il suo Orfeo all'Inferno, così ironico e divertentissimo nell'ambivalenza interpretativa: o che il mio problema rappresenti l'andata agli Inferi, o che esso mi sia d'invito ad andarvi tout court? D'altro canto anche il problema che ho proposto voleva essere un po' ambivalente nel suo traccheggiare fra il digitale (in apparenza) e l'analogico (in effetti). Ma è questo, a mio avviso il bello di certe cose, che poi risiede tutto nell'impegno che richiedono, e non nella facilità di una soluzione preconfezionata.

Ancora un sentito ringraziamento a loro due e a tutti quanti hanno partecipato, per l'attenzione che hanno voluto riservarmi.

:evil: O_/ :twisted:
Avatar utente
Foto UtenteCarlo51
400 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 143
Iscritto il: 3 feb 2014, 11:13

0
voti

[22] Re: Un'eco molto strana

Messaggioda Foto UtenteCarloCoriolano » 8 feb 2017, 20:08

Bene, siamo adeguatamente perspicaci. Si, il messaggio che volevo inviarti lo hai centrato direi: mandarti all'inferno giovialmente.

E si, perche`, se e` vero che, tutto quanto non precisato e` lecito fissarlo autonomamente, il tuo quiz aveva molteplioci soluzioni, perche` nulla e poi nulla indicava quale strada si dovesse obbligatoriamente percorrere.

Diversamente, tanto varrebbe che ciascuno di noi proponesse un quesito del tipo: "a cosa sto pensando?" Hai voglia a far dei tentativi... E da qui non mi muovo. Se ti verra` di provare a spiegarmi che..., lascia perdere.

Comunque, alla fine, non posso fare altro che somararmi da solo, perche`, della soluzione che hai proposto, io, non ho capito NULLA!
Avatar utente
Foto UtenteCarloCoriolano
1.446 3 4 7
---
 
Messaggi: 1023
Iscritto il: 24 mag 2016, 13:08

0
voti

[23] Re: Un'eco molto strana

Messaggioda Foto UtenteWALTERmwp » 8 feb 2017, 22:43

Comunque a me, l'eco ha risposto ZERO.

Saluti
W - U.H.F.
Avatar utente
Foto UtenteWALTERmwp
27,4k 4 8 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 8185
Iscritto il: 17 lug 2010, 18:42
Località: le 4 del mattino

0
voti

[24] Re: Un'eco molto strana

Messaggioda Foto UtenteCarlo51 » 9 feb 2017, 16:00

Foto UtenteCarloCoriolano mi ha detto di non voler spiegazioni riguardo alla soluzione che ho proposto ed io, in omaggio al suo emblema, rispondo come Garibaldi: OBBEDISCO!
Però una considerazione generale la devo pur fare, se è vero che anche "la madre" di tutti i thread di questo tipo ammette più soluzioni e precisamente: se a UNO, DUE, TRE associo TRE, qual è la logica con cui a QUATTRO associo SETTE? La vulgata vuole che io dica che TRE e SETTE sia il numero delle lettere formanti rispettivamente UNO-DUE-TRE e QUATTRO. Ma, mi chiedo ora, perché non dovrebbe essere accettabile anche la seguente soluzione: prendo un Valore di Partenza (UNO, DUE, TRE, QUATTRO) e lo moltiplico per 3; poi, se il Valore di Partenza è un numero primo, divido il risultato per il Valore di Partenza stesso, se no gli sottraggo il numero primo successivo al Valore di partenza Ponsiderato.

Es.
DUE x 3 = 6 / DUE = TRE
QUATTRO x 3 = 12 - 5 = SETTE

Mi si dirà: Ma questa è una soluzione capziosa e per niente generale, su misura per i dati iniziali! Certo che lo è, ma è pur sempre una soluzione a quanto richiesto!
Senza andare a scomodare il vecchio Peano, che riteneva le sue dimostrazioni le più belle (aveva un evidente senso estetico-matematico Peano, ma era PEANO!), possiamo dire che dovrebbe ad ogni modo esserci un minimo criterio-guida per giudicare le soluzioni ai problemi che, se non belle, le voglia per lo meno accettabili.
Che le soluzioni non siano univoche è quindi, per certi problemi, un dato di fatto, ma sarebbe auspicabile che venissero prese in considerazione quelle di portata più ampia (che non sono quasi mai le più immediate/facili, pur risultando poi spesso le più semplici), dove per "ampiezza" di una soluzione si può oggettivamente intendere almeno: la generalità applicativa, il minor numero di parametri presenti, la rappresentabilità in espressione matematica, una certa diffidenza per "il troppo facile", l'assenza di vistose ed inequivocabili speciosità, ecc. . Mi rendo tuttavia anche ben conto che quelli che io stimo essere criteri evidenti ed oggettivi, siano magari per molti del tutto inessenziali e soggettivi, dipendendo il giudizio dalla individuale sensibilità.
Nel nostro caso, pur essendo le risposte ottenute in certa parte ammissibili, non mi sembravano avere in più o meno larga misura i requisiti di cui sopra, per cui ho inteso, nel corso della discussione, fornire quelli che, meglio che aiuti, chiamerei indirizzamenti, in modo da portare alla soluzione alla fine indicata. Proprio sulla scorta di tali indirizzamenti ho fornito poi, derivandola in un modo che ritengo abbastanza piano, la soluzione.
C'è un po' d'arbitrarietà in questo comportamento? Può darsi, ma, alla luce del criterio utilizzato, non mi sembra del tutto scorretto.
Un'ultima riflessione: se avessi fornito come caso dato anche la sequenza dell'eco al TRE (QUATTRO, SEDICI, ....) e richiesto la sequenza per il QUATTRO (NOVE, OTTANTUNO, ....), mi sarebbe sembrato di banalizzare troppo, ma forse non ci sarebbe stata questa istruttiva discussione perché il problema sarebbe stato più imbrigliato!

Mi piacerebbe al proposito avere, se possibile, l'opinione di quanti hanno avuto la pazienza di seguirmi fin qui.

Grazie.

O_/
Avatar utente
Foto UtenteCarlo51
400 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 143
Iscritto il: 3 feb 2014, 11:13

Precedente

Torna a Ah, ci sono!

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti