Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

doppio contatore luce: ha senso?

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto Utentesebago, Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentelillo, Foto UtenteMike

0
voti

[11] Re: doppio contatore luce: ha senso?

Messaggioda Foto Utenteclaudiocedrone » 1 ott 2015, 23:57

:-) E inoltre, intestandosi due diverse utenze si avrebbe l'impossibilità di far passare entrambe per "uso domestico residente"; una delle due risulterebbe "uso domestico non residente" con il risultato di una consistente maggiorazione dei costi, altro che risparmio :lol: ... per curiosità, potresti indicare dove hai trovato questo consiglio così oculato ? :mrgreen: O_/
"Non farei mai parte di un club che accettasse la mia iscrizione" (G. Marx)
Avatar utente
Foto Utenteclaudiocedrone
20,0k 4 7 9
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 14139
Iscritto il: 18 gen 2012, 13:36

0
voti

[12] Re: doppio contatore luce: ha senso?

Messaggioda Foto UtenteGoofy » 2 ott 2015, 7:13

Possibile che nessuno abbia pensato di collegarli in serie?
Avatar utente
Foto UtenteGoofy
12,4k 4 5 9
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 4929
Iscritto il: 10 dic 2014, 20:16

0
voti

[13] Re: doppio contatore luce: ha senso?

Messaggioda Foto Utenteairone12 » 2 ott 2015, 7:34

scusate, temo di non essermi spiegato: non sto dicendo che lo devo fare e ho già detto io che sono convinto che sia proibito, pensiamo ad un caso teorico.
ho due contatori: se vanno su due linee diverse è come se fossero per due appartamenti diversi, quindi posso consumare 3 kW+3 kW a logica, totale 6 kW. Naturalmente i consumi registrati rispecchieremmo i consumi delle due diverse linee, quindi potrei avere due bollette anche molto diverse sui due contatori.

se invece siamo nell'ipotesi di una sola linea, quindi collegati in parallelo: cosa succede?
ho studiato un po' di elettrotecnica 1000 anni fa a scuola e non so il perché mi viene in mente il caso di due generatori impressivi di tensione collegati in parallelo, che non ha senso in generale se hanno uscite diverse, ma in queto caso entrambi danno 220 V di tensione e il contatore non è "solo" un generatore di tensione, ma anche di corrente. se li collego in parallelo dovrei avere 220 V e la corrente dovrebbe essere prelevata in egual misura dai due contatori, quindi la potenza sarebbe di 6 kW e le bollette divise al 50%.

riguardo a chi mi a chiesto perché mi sono spaventato: le bollette purtroppo sono giuste, ma fra condizionatore e asciugatrice spendo circa 750€ all'anno di luce, che rispetto ai 350 che spendevo prima per me sono tanti.

grazie comunque per le numerose risposte.
Avatar utente
Foto Utenteairone12
-4 2
 
Messaggi: 14
Iscritto il: 5 ott 2014, 10:20

0
voti

[14] Re: doppio contatore luce: ha senso?

Messaggioda Foto UtenteGoofy » 2 ott 2015, 7:39

6367 ha scritto:aspettiamo il primo gennaio 2016


Dici che la festa della liberazione è così vicina? Mi sembrava di ricordare 2017, spero che abbia ragione tu.
Avatar utente
Foto UtenteGoofy
12,4k 4 5 9
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 4929
Iscritto il: 10 dic 2014, 20:16

0
voti

[15] Re: doppio contatore luce: ha senso?

Messaggioda Foto UtenteGoofy » 2 ott 2015, 7:44

ho due contatori: se vanno su due linee diverse è come se fossero per due appartamenti diversi, quindi posso consumare 3 kW+3 kW a logica, totale 6 kW.

Con due contatori avresti un notevole risparmio a causa del prezzo a scaglioni (dipende da quanto sfori lo scaglione)

se invece siamo nell'ipotesi di una sola linea, quindi collegati in parallelo: cosa succede?

Succede che se l'ENEL cambia una fase di uno dei due puoi incendiare la casa.
Avatar utente
Foto UtenteGoofy
12,4k 4 5 9
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 4929
Iscritto il: 10 dic 2014, 20:16

0
voti

[16] Re: doppio contatore luce: ha senso?

Messaggioda Foto Utenteferri » 2 ott 2015, 8:41

Se il condizionatore è in pompa di calore potresti verificare se la posa di un contatore dedicato sia conveniente. Da quanto mi risulta è possibile avere la seconda forntira dedicata allo scopo (conviene andare in ufficio comemrciale non provare nemmeno con il numero verde). Ti fanno alcune simulazioni poi valuti.

Come già detto in altri post [9-10] la situazione a breve dovrebbe cambiare con appiattimento della curva di costo in base ai consumi.
Avatar utente
Foto Utenteferri
1.339 2 4
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 433
Iscritto il: 24 nov 2012, 11:41

-3
voti

[17] Re: doppio contatore luce: ha senso?

Messaggioda Foto UtenteTheMask » 2 ott 2015, 8:53

Come dice ibra ci smeni parecchio di più perché il contatore ha un costo e comunque sia non ti permetteranno mai di averne 2 per il semplice motivo che è una cosa che non ha proprio senso.

Sono anni che sono introdotto nel mondo del reverse engineering e ti assicuro che è possibilissimo taroccare/hackerare un contatore...hai mai visto la simpatica porta infrarossi sul contatore? :D
Ad ogni modo anche se tarocchi il contatore non vuol dire che hai taroccato quello che c'è a monte...questo significa che hai solo taroccato quello che leggi sul display ossia papà enel vuoi o non vuoi sà quanto hai consumato. Non so se mi sono spiegato bene ;-)

se invece siamo nell'ipotesi di una sola linea, quindi collegati in parallelo: cosa succede?


Operativamente parlando non ti so dire di preciso cosa misuri ma credo proprio che entrambi i contatori ti segnino la stessa potenza....non confondere il mettere 2 carichi o 2 trasformatori in parallelo con 2 contatori ;-) quello è ne più e ne meno come attaccare due multimetri sulla stessa linea...non cambia nulla misurano la stessa cosa :ok:
Avatar utente
Foto UtenteTheMask
55 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 105
Iscritto il: 14 gen 2015, 16:05

0
voti

[18] Re: doppio contatore luce: ha senso?

Messaggioda Foto Utenteairone12 » 2 ott 2015, 10:18

continuo a non spiegarmi: non sto chiedendo un modo per spendere meno (taroccare il contatore, fare un contratto diverso, spegnere la lavatrice, attaccarmi alla linea elettrica di qualcun altro), non voglio mettere due contatori, non voglio fare nulla di illegale e in generale non voglio fare nulla, vorrei solo sapere cosa succederebbe dal punto di vista elettrico se mettessi due contatori di potenza 3 kW in parallelo: quanta potenza avrei? cosa misurerebbero?
per il momento l'unico che mi ha dato una risposta mi ha detto che se il fornitore cambia la fase di un contatore (può farlo di un solo contatore? perché dovrebbe?) allora va a fuoco la casa... perché va a fuoco? cosa succede? qualche info in più, per aiutare un inesperto a capire come funziona il circuito.
grazie
Avatar utente
Foto Utenteairone12
-4 2
 
Messaggi: 14
Iscritto il: 5 ott 2014, 10:20

0
voti

[19] Re: doppio contatore luce: ha senso?

Messaggioda Foto UtenteGoofy » 2 ott 2015, 10:41

airone12 ha scritto:se il fornitore cambia la fase di un contatore (può farlo di un solo contatore? perché dovrebbe?) allora va a fuoco la casa... perché va a fuoco? cosa succede? qualche info in più, per aiutare un inesperto a capire come funziona il circuito.
grazie


La distribuzione dell'ENEL è trifase, a qualche cliente monofase dà L1+N, a qualcun altro L2+N, ad altri L3+N cercando di bilanciare i carichi.
Prima di collegare i due contatori dovresti verificare che siano alimentati con la stessa fase.
Se colleghi insieme due fasi diverse hai un cortocircuito a 400V, forse il contatore non si incendia perché interviene l'interruttore in cabina lasciando al buio tutti i clienti.
Se oggi i due contatori hanno la stessa fase, domani l'ENEL potrebbe cambiare.
Se i due contatori sono alimentati da due cavi diversi è probabile che presto o tardi succeda.
L'ENEL potrebbe farlo perché perché staccano un cavo dal loro interruttore e lo riattaccano ruotando le fasi.
Avatar utente
Foto UtenteGoofy
12,4k 4 5 9
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 4929
Iscritto il: 10 dic 2014, 20:16

0
voti

[20] Re: doppio contatore luce: ha senso?

Messaggioda Foto Utentemir » 2 ott 2015, 10:52

Premessa. Ogni utenza del gestore di energia elettrica ha un proprio contatore di energia elettrica,uno ed uno solamente (fatto salvo casi particolari) per il quale ha una fornitura contrattuale di energia elettrica impegnata, che può essere in genere per utenze civili di 3 kW o 6 kW ed eventuali percentuali di tolleranza.
Pertanto si ipottizza che si stia parlando di un'utenza generica.

airone12 ha scritto:cosa succederebbe dal punto di vista elettrico se mettessi due contatori di potenza 3 kW in parallelo: quanta potenza avrei?

Si può immaginare di installare un secondo misuratore di energia elettrica a valle di un misuratore di energia elettrica già presente,pertanto il misuratore di energia di nuova installazione misurerà l'assorbimento del suo carico, mentre quello già esistente misurerà quanto collegato ai suoi capi più quello misurato dal nuovo contatore di energia, pertanto complessivamente la potenza richiesta dal gestore,ovvero a monte del primo misuratore di energia è quella complessiva misurata dal primo contatore. In sostanza la potenza complessiva richiesta o assorbita dai singoli carichi per la stessa utenza è sempre la stessa. E la potenza disponibile è sempre quella contrattuale di quella utenza.
Quindi non ha senso installare due misuratori di energia elettrica (in cascata) in un impianto per utenza singola, uno sul circuito luce ed uno sul circuito prese, in quanto la potenza assorbita è sempre pari alla somma delle due letture ovvero dei due assorbimenti,quindi non cambierebbe nulla ai fini del consumo energetico.
Avatar utente
Foto Utentemir
65,5k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 21747
Iscritto il: 19 ago 2004, 21:10

PrecedenteProssimo

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 52 ospiti