Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Grave carenza nei collegamenti di terra

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMike, Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentelillo, Foto Utentesebago

0
voti

[1] Grave carenza nei collegamenti di terra

Messaggioda Foto Utentecorrieri5 » 18 dic 2008, 16:08

E' stato realizzato un edificio ospedaliero con il relativo impianto elettrico.Il progetto era completo, planimetria, relazione, disegni del quadro. L' impianto è stato collaudato e dopo il collaudo si sono accorti che mancava il conduttore di terra sulle prese da 16A. La ditta si giustifica: sui disegni non c'era scritto di posare il cavo gv!!! MA siamo pazzi? Che fareste voi?
Avatar utente
Foto Utentecorrieri5
0 1 3
New entry
New entry
 
Messaggi: 57
Iscritto il: 28 giu 2005, 13:35
Località: livorno

0
voti

[2] Re: Sentite questa!

Messaggioda Foto Utentecrit » 18 dic 2008, 17:24

Beh premesso che non so se c'era o meno scritto nel progetto ma l'impresa che effettua il lavoro deve redigere la dichiarazione di conformità alla regola dell'arte quindi è responsabile dell'impianto. Inoltre si può presupporre che l'impresa sia qualificata per eseguire tali lavori quindi anche se nel progetto non era indicato doveva, data la mancanza grossolana, porre il dubbio prima di fare l'impianto.
Avatar utente
Foto Utentecrit
133 1 3 5
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 743
Iscritto il: 31 mag 2007, 12:23
Località: Pistoia

0
voti

[3] Re: Sentite questa!

Messaggioda Foto UtenteMike » 18 dic 2008, 19:48

L'installatore non ha scuse plausibili. Può essere accusato di falso in relazione alla dichiarazione di conformità, anche nei confronti della omologazione dell'impianto di terra ai sensi DPR 462/01 e inoltre di violazione delle norme di sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08.
Ma mi sorge un dubbio, siccome ritengo che i cretini esistono ma sono pochi e soprattutto non fanno ospedali (spero) per cui normalmente ci sono sempre delle spiegazioni a determinate questioni, non è che il PE è presente sulla presa, ma non è collegato al nodo equipotenziale negli ambulatori?
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
--
Quello che non comprendi con l'insegnamento, lo imparerai, a tue spese, con l'esperienza. (MMGM)
Avatar utente
Foto UtenteMike
52,1k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14296
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

0
voti

[4] Re: Sentite questa!

Messaggioda Foto Utenteivano » 18 dic 2008, 23:19

capisco che a volte certi termini urtino qualche persona MA e sottolineo MA davanti ad assurdita' inaudite come questa
non ci si puo' stupire che qualcuno li usi.
un elettricista che non collega ( o meglio non realizza nemmeno l'impianto di terra) il cavo G/V ( indipendentemente che ci sia o meno sul progetto), oltretutto in un luogo come l'ospedale, oltre che essere un poveraccio e' anche un delinquente.
E CIO' SENZA CHE GLI SI POSSANO ATTRIBUIRE SCUSANTI DI NESSUN TIPO.

ivano
Avatar utente
Foto Utenteivano
1.094 1 3 4
Master
Master
 
Messaggi: 1200
Iscritto il: 7 set 2004, 22:27
Località: appiano gentile

0
voti

[5] Re: Sentite questa!

Messaggioda Foto Utentecorrieri5 » 19 dic 2008, 10:09

beh, credo anch'io. E' veramnete una mancanza grossolana. Il vecchio DPR547/55 (oltre 50 anni fa) diceva che l' impianto di terra doveva essere obbligatorio!Non posare il cavo g/v sulla linea prese (non del nodo equipot degli ambulatori, ma delle linee normali) è un fatto molto grave. Io non so voi, ma quando si verificano gli impianti non andiamo a smontare le prese x vedere se c'è il cavo g/v colllegato.
Avatar utente
Foto Utentecorrieri5
0 1 3
New entry
New entry
 
Messaggi: 57
Iscritto il: 28 giu 2005, 13:35
Località: livorno

0
voti

[6] Re: Sentite questa!

Messaggioda Foto Utente6367 » 19 dic 2008, 10:22

Il vecchio DPR547/55 (oltre 50 anni fa) diceva che l' impianto di terra doveva essere obbligatorio!


No. Obbligatorio ma in casi molto partcolari. Del resto, nel contesto di quel periodo, sarebbe stato eccessivo chiedere la messa a terra "ovunque".
Avatar utente
Foto Utente6367
20,6k 6 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6466
Iscritto il: 9 set 2005, 0:00

0
voti

[7] Re: Sentite questa!

Messaggioda Foto Utentealadino » 19 dic 2008, 10:40

Si vede e come che siamo Italiani, ci piace la polemica, vero ? Allora ecco come stanno le cose.

Dovete dunque sapere che in un appalto ci sono :
1. progettista
2. direttore dei lavori
3. collaudatore

Se è appalto pubblico c'è anche il RUP. L'ospedale è un'OPERA PUBBLICA.

La catena dei 3/4 professionisti che hanno compiti diversi ha un punto in comune, qual è ? la corresponsabilità nei confronti della sicurezza.
Se il progetto è sbagliato, chi l'ha validato (RUP) ? PRIMA RESPONSABILITA'
Se il progetto è sbagliato, che cosa ha diretto il DL (che dovrebbe dichiarare fattibile il progetto) ? SECONDA RESPONSABILITA'
Se il progetto è sbagliato, che cosa ha fatto la ditta che deve fare il rapporto di verifica e la DICO ? TERZA RESPONSABILITA'
Se il progetto è sbagliato, che cosa ha collaudato il collaudatore ? QUARTA RESPONSABILITA'.

Si badi bene, non è una graduatoria e quindi parzializzazione delle responsabilità, tutti e quattro sono davanti al magistrato ugualmente responsabili, perché ciascuno indipendentemente dagli altri poteve intervenire e correggere e non l'ha fatto.

Così è se vi pare.

AMEN
Avatar utente
Foto Utentealadino
0 3
 
Messaggi: 45
Iscritto il: 12 lug 2007, 14:50

0
voti

[8] Re: Sentite questa!

Messaggioda Foto UtenteMike » 19 dic 2008, 11:12

Non capisco di quale polemica si parli... Per quanto mi riguarda condivido in pieno l'ultimo post di Aladino in relazione alle responsabilità. Il progetto è un atto del tutto virtuale, è chi gli da esecuzione che diventa responsabile o corresponsabile in solido al progettista. Troppo semplice incolpare il solo progettista. Lo scopo del progetto è proprio quello che qualcuno lo legga prima di eseguire i lavori per accertarne anche la fattibilità ed eventuali errori più o meno gravi, in questo caso sarà dovere del progettista rimediare agli errori e consegnare il progetto aggiornato. Se invece, come succede normalmente, i controlli da parte del RUP (e anche della fantomatiche società di validazione dei progetti, che Dio ce ne scampi...) sono solo sull'aspetto formale, la carta non è in A4 ma in B2 e minchiate varie, da parte dell'impresa installatrice stessa che il progetto lo comincia a leggere quando è arrivata a fine lavori, da parte della DLL che magari di impianti ne capisce ben poco, allora ci si trova in queste situazioni. Ovviamente mi riferisco ad errori progettuali che la competenza di un normale installatore è in grado di verificare, per il resto il progettista è totalmente responsabile.
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
--
Quello che non comprendi con l'insegnamento, lo imparerai, a tue spese, con l'esperienza. (MMGM)
Avatar utente
Foto UtenteMike
52,1k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14296
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

0
voti

[9] Re: Sentite questa!

Messaggioda Foto Utentecorrieri5 » 19 dic 2008, 11:21

Qui non si tratta di un errore progettuale. Sul disegno del quadro sono indicati indistintamente la sezione dei conduttori:
fase
neutro
Pe
Qundi la ditta avrebbe dovuto stendere il cavo di terra. questo mi pare sufficiente, o no?
Avatar utente
Foto Utentecorrieri5
0 1 3
New entry
New entry
 
Messaggi: 57
Iscritto il: 28 giu 2005, 13:35
Località: livorno

0
voti

[10] Re: Sentite questa!

Messaggioda Foto Utentealadino » 19 dic 2008, 11:47

La validazione del progetto la si fa andando a vedere quali criteri ha adottato il progettista, quindi quali sono le ipotesi alla base del progetto. Se ci sono dubbi si chiedono chiarimenti al progettista. Una volta validato poi subentrano tutte le altre figure Impresa, DL, collaudatore.......
Avatar utente
Foto Utentealadino
0 3
 
Messaggi: 45
Iscritto il: 12 lug 2007, 14:50


Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 51 ospiti