Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Sostituzione differenziale

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto Utentelillo, Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto UtenteMASSIMO-G

0
voti

[11] Re: Sostituzione differenziale

Messaggioda Foto Utentekyempani » 9 mag 2009, 0:04

perché una parte delle sue responsabilità?

Se io gli sostituisco il differenziale con uno identico al precedente, avente solo come differenza la minor sensibilità ai disturbi della rete, dov'è il problema?

Ciao ciao
Avatar utente
Foto Utentekyempani
0 2
CRU - Account cancellato su Richiesta utente
 
Messaggi: 7
Iscritto il: 2 mag 2009, 13:36

0
voti

[12] Re: Sostituzione differenziale

Messaggioda Foto Utentesebago » 11 mag 2009, 19:25

Perché anche tu, nel momento in cui fai l'intervento, non puoi fare a meno di notare che c'è una situazione di non idoneità: il differenziale puro non è protetto (come è stato semplicemente dimostrato). A nulla vale, dal punto di vista normativo, sostenere che c'é il limitatore ENEL perché:
a) è, appunto, dell'ENel e non dell'utente; ENEL non è tenuta a proteggere alcunché dell'impianto di utente e il limitatore ha solo la funzione che il suo stesso nome gli attribuisce: limitare la potenza prelevata secondo quanto stabilito dal contratto;
b) la norma ammette l'uso del limitatore come protezione contro il corto circuito ma solo in ben determinate situazioni e ad altrettanto ben determinate condizioni;
Se inoltre, per pura ipotesi, il limitatore ENEL fosse tarato a 63 A e la potenza contrattuale fosse di 15 kW monofase, il differenziale rimarrebbe senza protezione alcuna, neppure "quella ENEL". Potrebbe andare tranquillamente arrosto con buona pace dei magnetotermici sottostanti e con altrettanta buona pace delle convinzioni del tuo amico.

In ogni caso, però, tu diverresti, a mio giudizio, corresponsabile perché accetteresti una scelta scorretta.
Facciamo un esempio:
il cliente ti chiama perché c'è da sostituire una cavo "cotto" da 1,5 mmq che era protetto da un magnetotermico da 40 A su una linea che doveva portare una corrente di 35 A. Il tutto gli ha causato un incendio (dovuto alla sovratemperatura del cavo che poi è morto miseramente). Dunque tu che faresti? metteresti di nuovo un cavo da 1,5 mmq?
Oppure:
il cliente (quantunque tuo amico) ti chiama perché c'é da sostituire una presa rotta con un'altra identica; senonché la presa da sostituire sta in zona 1 del bagno; la sostituisci così com'è o gli chiedi di spostarla?

Io ritengo che quando sia evidente una situazione di non rispondenza alla regola d'arte (in primis) e alle normative (in secundis), chiunque metta mano all'impianto abbia il dovere di:
1) segnalare la necessità di modificare l'impianto;
2) rifiutarsi di eseguire il lavoro se non rispondente alla regola d'arte (anche se si tratta di amici).

Anticipo la possibile obiezione: "si tratta di manutenzione ordinaria e non è necessaria la dichiarazione di conformità":
vero, però anche se non è necessaria la dichiarazione di conformità , l'esecuzione a regola d'arte è sempre e comunque obbligatoria.

Ti do un consiglio: cerca di far capire al tuo amico che la differenza di costo fra il differenziale puro e un magnetotermico differenziale val bene una messa: tu stai con la coscienza più tranquilla e lui non perde un buon amico e buon elettricista.
Saluti
Sebastiano
________________________________________________________________
"Eo bos issettaìa, avanzade e non timedas / sas ben'ennidas siedas, rundinas, a domo mia" (P. Mossa)
Avatar utente
Foto Utentesebago
16,7k 4 10 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2189
Iscritto il: 1 apr 2005, 19:59
Località: Orune (NU)

0
voti

[13] Re: Sostituzione differenziale

Messaggioda Foto Utentekyempani » 18 mag 2009, 19:20

Grazie per la risposta, però ti volevo chiedere in caso io aggiungessi un magnetotermico prima del differenziale puro andrei a cambiare il progetto iniziale del quadretto, in questo caso servirebbe la dichiarazione di conformità?

Un'altra domanda per un differenziale puro da 25A a monte cosa installeresti un magnetotermico da 25A oppure da 20A.

Ciao ciao
Avatar utente
Foto Utentekyempani
0 2
CRU - Account cancellato su Richiesta utente
 
Messaggi: 7
Iscritto il: 2 mag 2009, 13:36

0
voti

[14] Re: Sostituzione differenziale

Messaggioda Foto Utentesebago » 18 mag 2009, 21:11

kyempani ha scritto:Grazie per la risposta, però ti volevo chiedere in caso io aggiungessi un magnetotermico prima del differenziale puro andrei a cambiare il progetto iniziale del quadretto, in questo caso servirebbe la dichiarazione di conformità?

Un'altra domanda per un differenziale puro da 25A a monte cosa installeresti un magnetotermico da 25A oppure da 20A.

Ciao ciao


Il quadro elettrico va inteso come un prodotto (al pari della lavatrice o del frigorifero) e perciò non è soggetto al DM37, ergo non necessità di Dichiarazione di Conformità di cui al DM citato (se intendevi questa). Se invece ti riferivi alla Dichiarazione di Conformità del Quadro (per esempio secondo la CEI 23-51, come mi pare fattibile nel tuo caso), allora sono personalmente dell'idea che serva, visto che potrebbe accadere (per quanto improbabile) che l'aggiunta di un magnetotermico modifichi il regime termico della carpenteria (in buona sostanza: che la potenza dissipata dagli apparecchi diventi maggiore della potenza dissipabile dalla carpenteria).

Per un differenziale puro da 25 A occorre un magnetotermico non superiore a 25 A . Uno da 20 A andrebbe ugualmente bene ma limiteresti inutilmente la potenza prelevabile.
Io sostituirei il differenziale puro con un magnetotermico differenziale da 25 A. Non credo che la differenza di costi sia così abissale.
Saluti
Sebastiano
________________________________________________________________
"Eo bos issettaìa, avanzade e non timedas / sas ben'ennidas siedas, rundinas, a domo mia" (P. Mossa)
Avatar utente
Foto Utentesebago
16,7k 4 10 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2189
Iscritto il: 1 apr 2005, 19:59
Località: Orune (NU)

0
voti

[15] Re: Sostituzione differenziale

Messaggioda Foto Utentekyempani » 21 mag 2009, 19:49

Ti ringrazio per la risposta, comunque gli installerò un magnetotermico da 25A a monte del differenziale perché il differenziale l'ho già installato.

Ciao e grazie
Avatar utente
Foto Utentekyempani
0 2
CRU - Account cancellato su Richiesta utente
 
Messaggi: 7
Iscritto il: 2 mag 2009, 13:36

Precedente

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 69 ospiti