Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Alternatore auto

Allestimenti, motori, impianti elettrici ed elettronici sulle automobili

Moderatore: Foto UtenteFranco012

0
voti

[21] Re: Alternatore auto

Messaggioda Foto UtenteMarcoD » 10 set 2022, 15:04

Sono stato dall'elettrauto e mi ha detto che se non ho 13.5v almeno al minimo l'alternatore è andato, io ne ho 12.3.
Sarà al minimo 800 RPM.
Con motore in folle a circa 1000 o 1200 RPM , la tensione dovrebbe crescere.
Cresce?

Invece che l'alternatore guasto, potresti avere il regolatore guasto, oppure uno o più dei sei diodi del ponte inglobato nell'alternatore in cortocircuito.

...volevo sapere quali erano le caratteristiche nude e crude della trifase generata dall'alternatore, per capire se togliendo il raddrizzatore e la regolazione, con l'opportuno numero di giri e di campo (corrente) nell'elettromagnete rotante si poteva realizzare, con l'alternatore per auto, una trifase "normale".

A cosa ti serve una trifase a circa 12 Veff di ampiezza e frequenza variabile in funzione della velocità del motore?

So anche che la tensione continua finale viene tenuta fissa, indipendente dal numero di giri, tramite anche una regolazione PWM comandata da un sensore.

Non so se la regolazione è PWM, decenni anni fa mi pare fosse una corrente quasi continua fornita da un transistor in funzione della tensione della batteria.
O_/
Avatar utente
Foto UtenteMarcoD
10,5k 5 9 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 5399
Iscritto il: 9 lug 2015, 16:58
Località: Torino

0
voti

[22] Re: Alternatore auto

Messaggioda Foto Utentejaelec » 10 set 2022, 17:16

MarcoD ha scritto:A cosa ti serve una trifase a circa 12 Veff di ampiezza e frequenza variabile in funzione della velocità del motore?

Pensavo che la tensione dipendesse dalla velocità con la quale cambiava il flusso del campo magnetico e quindi dal numero di giri oltre che dal campo stesso applicato sul rotore. E volevo capire se, almeno in linea di principio, togliendo il regolatore e il raddrizzatore e spingendo giri e campo magari al massimo potevo ottenere una trifase almeno con una concatenata da 220 V. Poi però avrei anche il problema della frequenza...Ma ripeto così, pensandoci al volo, con alta probailità di dire stupidaggini.

A cosa mi serve? Un po' solo per curiosità perché poi sicuramente non ne vale la pena, ma volevo capire se era possibile fare un alternatore "normale", da collegare al trattore, con un alternatore per auto.
Avatar utente
Foto Utentejaelec
95 3 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 204
Iscritto il: 6 dic 2021, 10:46

0
voti

[23] Re: Alternatore auto

Messaggioda Foto UtenteMarcoD » 10 set 2022, 17:26

la tensione dipendesse dalla velocità con la quale cambiava il flusso del campo magnetico e quindi dal numero di giri oltre che dal campo stesso applicato sul rotore.
Si è così (la tensione non rimane a 12Veff). La tensione cresce con la velocità di rotazione.
Mi pare di aver letto che un alternatore con regolatore guasto e con poco carico raggiunge la tensione di 70 V.
Avvii una vecchia auto senza batteria, collegando i morsetti a una batteria esterna, poi stacchi i cavi e acceleri al massimo in folle.
E' un problema, senza provvedimenti, i 70 V danneggerebbero le elettroniche alimentate a 12 V.
Avatar utente
Foto UtenteMarcoD
10,5k 5 9 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 5399
Iscritto il: 9 lug 2015, 16:58
Località: Torino

1
voti

[24] Re: Alternatore auto

Messaggioda Foto Utentestefanopc » 10 set 2022, 17:51

Come in tutti gli alternatori se il flusso è costante quando aumenta la frequenza a parità di carico aumenta la tensione in uscita(statore trifase) .
Il regolatore (vecchio tipo quello inglobato vicino al ponte diodi) non fa altro che tenere costante la tensione in uscita variando la corrente di eccitazione (rotore) .
Quindi se sei al minimo (800 rpm) sulle spazzole che alimetano il rotore avrai circa 12V.
Col motore a giri elevati ( > 2000rpm) la tensione con qualsiasi carico ( inferiore alla corrente nominale ) sarà intorno ai 14.4V e la tensione sulle spazzole sarà inferiore.
Se la tensione rimane sempre a 12.5V anche dopo 5 minuti di normale utilizzo ( quindi batteria carica) c'è qualche problema.
Normalmente dopo un lungo utilizzo del veicolo si consumano il collettore e le spazzole(che sono più dure del rame del rotore e non di normale grafite ) .
Mancando la corrente di eccitazione è normale che in uscita la tensione e la corrente siano carenti rispetto alle attese.
Ciao
600 Elettra
Avatar utente
Foto Utentestefanopc
7.891 4 8 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 2669
Iscritto il: 4 ago 2020, 9:11

0
voti

[25] Re: Alternatore auto

Messaggioda Foto Utentejaelec » 10 set 2022, 20:03

MarcoD ha scritto:Non so se la regolazione è PWM, decenni anni fa mi pare fosse una corrente quasi continua fornita da un transistor in funzione della tensione della batteria.
O_/

Intendevo, o almeno volevo intendere, grosso modo, che la corrente fornita all'elettromagnete del rotore era dal regolatore interrotta a tratti di durata tale da compensare la variazione di tensione dovuta al variare dei giri, e quindi alla fine tale da tenere sostanzialmente costante la tensione generata dall'alternatore.
Avatar utente
Foto Utentejaelec
95 3 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 204
Iscritto il: 6 dic 2021, 10:46

0
voti

[26] Re: Alternatore auto

Messaggioda Foto Utentejaelec » 11 set 2022, 11:20

MarcoD ha scritto:Mi pare di aver letto che un alternatore con regolatore guasto e con poco carico raggiunge la tensione di 70 V.

Questo, se è corretto, è già parte del dato che volevo conoscere, che, come ripeto è: senza regolazione (e senza raddrizzamento) quali sono le formule che legano il valore efficace della tensione concatenata della trifase generata al numero di giri e alla tensione (corrente) continua fornita a rotore?

Ora questi 70 V a quale tensione si riferiscono? Alla concatenata o alla stellata non raddrizzata? Oppure a quella raddrizzata e resa continua? Mentre si ottengono questi 70 V la corrente fornita al rotore è la massima possibile? A quali numeri di giri si ottengono questi 70 V? Al massimo dei giri?

Oppure, più riduttivamente, qual è la frequenza della trifase a minimo e qual è la frequenza al massimo dei giri?
(Domanda che comunque ovviamente rientra nel voler sapere come è legata (generalmente) la frequenza della trifase al numero dei giri in un alternatore per auto)
Avatar utente
Foto Utentejaelec
95 3 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 204
Iscritto il: 6 dic 2021, 10:46

0
voti

[27] Re: Alternatore auto

Messaggioda Foto UtenteDR1 » 11 set 2022, 12:09

Se la batteria interviene in aiuto all'alternatore (quando questo è arrivato al limite), allora gli Ah totali sono dati da Ah batteria + Ah alternatore, giusto ?
Avatar utente
Foto UtenteDR1
380 2 4 7
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 1060
Iscritto il: 16 ago 2012, 12:54

0
voti

[28] Re: Alternatore auto

Messaggioda Foto Utentelelerelele » 11 set 2022, 16:54

io ne smontai per aggiustralo, uno di 30 anni fa, forse ora sono diversi.

l'avvolgiimento è trifase, quindi avrai tre tensioni sfasate di 120° una dall'altra.
Il valore delle tensioni non lo so, può essere che siano 70V, in quanto, questo serve a manterere une tensione sufficiente anche a bassi giri, il regolatore, come è stato detto, va a limitare la corrente sul rotore, (corrente in DC), che genera il compo magnetico induttore, in questo modo è in grado di regolare la tensione in uscita attraverso questa corrente di eccitazione, quindi anche la corrente e le potenza.
La DC in uscita, non è altro che una trifase raddrizzata, attraverso un ponte trifase ad onda intera.
La frequenza è deterninata dal numero delle coppie di poli per il numero dei giri, (come in tutti gli alternatori), ma nel caso specifico non ha importanza questa frequenza, se non fosse eventualmente per i disturbi che potrebbe causare.
Non credo che vadano a regolare la potenza di uscita in PWM, può essere invece che sia il regolatore che controlla la corrente di eccitazione in PWM. Non mi sono mai preoccupato di misurarlo.

Se non specifichi cosa ci vorresti fare, non ti si puo aiutare a comprendere nello specfico.

saluti.
Avatar utente
Foto Utentelelerelele
3.297 3 7 9
Master
Master
 
Messaggi: 3828
Iscritto il: 8 giu 2011, 8:57
Località: Reggio Emilia

0
voti

[29] Re: Alternatore auto

Messaggioda Foto Utentejaelec » 11 set 2022, 17:16

lelerelele ha scritto:...

Avevo già precisato che il PWM lo intendevo sull'eccitazione e ho già detto ciò che avrei voluto sapere, anche solo a livello di curiosità e di principio, cioè anche al di là di questioni di isolamento, per esempio.
E' vero peraltro che le domande sono scaturite dal fatto che molti anni fa avevo pensato, come avevo già detto, di realizzare un generatore trifase alternata con almeno di 220 di concatenata, se non riuscivo ad avere 220 stellata, togliendo il raddrizzatore e impostando eccitazione e giri nel modo opportuno (con opportune pulegge collegate al motore del trattore). Ma ripeto l'ho già detto, non capisco cosa c'è da sapere. Ho detto anche quali solo le formule che vorrei conoscere...non so...cosa devo dire?

Ma comunque sia, per esempio, e anche solo in linea di principio, a quanti giri bisognerebbe far girare, con la massima eccitazione possibile, l'alternatore per ottenere una trifase con 220 V di tensione concatenata?

Cosa non si capisce della domanda?
Avatar utente
Foto Utentejaelec
95 3 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 204
Iscritto il: 6 dic 2021, 10:46

0
voti

[30] Re: Alternatore auto

Messaggioda Foto Utentejaelec » 12 set 2022, 7:58

In subordine mi piacerebbe anche solo sapere in un tipico alternatore per auto, o almeno per un certo specifico modello, senza pensare a nessuna modifica, qual è il legame tra il numero di giri dell'alternatore e la frequenza della trifase generata.
(Mi sono accorto che nei messaggi precedenti probabilmente non avevo distinto tra numeri di giri del motore e numero di giri dell'alternatore. Se qualcuno lo conosce, vorrei sapere anche qual è il rapporto tipico tra giri alternatore e giri motore).
Avatar utente
Foto Utentejaelec
95 3 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 204
Iscritto il: 6 dic 2021, 10:46

PrecedenteProssimo

Torna a Autovetture, motori endotermici ed elettronica relativa

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 9 ospiti