Pagina 1 di 1

ballast elettronico neon differenziale tipo A?

MessaggioInviato: 11 ott 2018, 8:04
da markus5
Buongiorno. Ora molti neon non hanno più il reattore elettromagnetico ma elettronico.
Volevo chiedervi se per questo tipo di dispositivo si richiede l'impiego di un differenziale di tipo A o solo AC.
Grazie.

Re: ballast elettronico neon differenziale tipo A?

MessaggioInviato: 11 ott 2018, 8:13
da mir
La domanda già è stata posta nel forum, e qui puoi trovare il thread con la risposta.

Re: ballast elettronico neon differenziale tipo A?

MessaggioInviato: 11 ott 2018, 8:16
da markus5
Grazie, avevo visto che era già stata fatta la domanda ma quando cercavo di vederla mi appariva "bad gateway", ora la vedo grazie mille.

Mike dice un AC immunizzato se i neon sono numerosi.
6367 afferma di scegliere AC o A a seconda di ciò che butta fuori il ballast elettronico. Dopo questo intervento non c'è stato più neanche un post chiarificatore.

Quindi AC o A?

Re: ballast elettronico neon differenziale tipo A?

MessaggioInviato: 11 ott 2018, 10:17
da markus5
Ho telefonato ad un'azienda che produce ballast elettronici. Il tecnico mi ha detto che sono equiparabili in parte agli alimentatori switching nonostante presentino dei filtri per non alterare eccessivamente la forma d'onda sinusoidale. Un'altra azienda mi ha detto che non ha differenze da un carico lineare. Insomma .... non so ancora niente.

Re: ballast elettronico neon differenziale tipo A?

MessaggioInviato: 11 ott 2018, 12:15
da Danielex
Non sono più domande da farsi secondo me.
I differenziali tipo AC sono destinati gradualmente a scomparire dal mercato.
Io uso tipo A ovunque.

Non ha senso usare un tipo AC per risparmiare qualche euro e poi magari un anno dopo a valle di quella linea ci saranno una valanga di dispositivi elettronici che richiederebbero il tipo A.

Oltretutto che io sappia, gli immunizzati esistono solo di tipo A.
Anche in questo senso secondo me la scelta migliore è andare solo più sugli immunizzati.

In un impianto nuovo secondo me non è accettabile lavorare ancora con gli AC.
O_/

Re: ballast elettronico neon differenziale tipo A?

MessaggioInviato: 11 ott 2018, 12:46
da markus5
Anche io ho sostituito praticamente tutti i tipo AC con i tipo A. Le linee che servono elettropompe monofase (non inverter) utilizzano ancora il tipo AC. La domanda l'ho posta perché la linea a cui va collegato il differenziale in discussione serve solo ed esclusivamente lampade esterne con attacco G23. Attualmente ho un diff/magnetotermico ABB con id 0.3A a capo di 4 magnetotermici in parallelo per le diverse aree da illuminare. Se non occorre il tipo A per il ballast elettronico non vedo perché dovrei buttare via un componente di 3 anni fa e costato anche parecchio. Quindi, il tuo ragionamento in un impianto da realizzare non fa una piega ma quando si ha già un componente recentemente acquistato da buttare, il discorso cambia a livello economico. Questo è il motivo per il quale cerco di capire se è effettivamente necessaria la sua sostituzione.
In conclusione, serve un A o un AC per il ballast elettronico?

Re: ballast elettronico neon differenziale tipo A?

MessaggioInviato: 11 ott 2018, 23:26
da ivano
in via teorica sarebbe meglio un B o il meno costoso tipo F, il quale comincia ad avere prezzi abbastanza ragionevoli.
il B e' decisamente sprecato per le lampade , visto poi il costo che mediamente ha

Re: ballast elettronico neon differenziale tipo A?

MessaggioInviato: 11 ott 2018, 23:36
da markus5
Un tecnico di un'azienda che produce ballast elettronici mi ha riferito in serata che è una via di mezzo tra uno switching ed un carico lineare. Ovvero, non tocca la fondamentale ma delle armoniche. Non posso però sapere il livello di preparazione di quel tecnico, visto che non lo conosco.

Re: ballast elettronico neon differenziale tipo A?

MessaggioInviato: 12 ott 2018, 10:12
da magoxax
I differenziali tipo AC sono destinati gradualmente a scomparire dal mercato.

Concordo in pieno con Foto UtenteDanielex.
Con tutta l'elettronica che c'è a giro oggi i differenziali di tipo AC sono ormai una fonte certa di scatti intempestivi.

Ogni volta che un cliente lamenta la scatto intempestivo del differenziale glielo sostituiamo con un classe A; di montare un classe AC su un impianto nuovo non se ne parla proprio.