Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

protezione motori

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMike, Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentelillo, Foto Utentesebago

0
voti

[1] protezione motori

Messaggioda Foto Utentemikic » 8 gen 2010, 18:11

Ciao a tutti. Un'informazione o chiarimento...Per una linea che alimenta un motore trifase (nel mio caso un ponte da officina per sollevare automobili)nel quadro è sufficiente un MTdifferenziale magari di tipo D o è preferibile utilizzare la combinazione interruttore magnetico,relè termico contattore o ancora un interruttore tipo P25M della Schneider o di altra marca?? Come Vi comportate voi in genere?? Grazie a chi risponde.
Avatar utente
Foto Utentemikic
0 2
 
Messaggi: 13
Iscritto il: 8 gen 2010, 18:03

0
voti

[2] Re: protezione motori

Messaggioda Foto UtenteGattomom » 8 gen 2010, 20:06

Un Mgt tipo D va certamente bene. La D è una curva d'intervento appositamente studiata per la protezione di carichi fortemente induttivi, che in avvio richiedono forti correnti di spunto. A valle dell'MGT collegherei il contattore.
L'installazione, nel quadro, dell'interruttore differenziale non è necessario.
Avatar utente
Foto UtenteGattomom
204 2 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 211
Iscritto il: 26 lug 2009, 14:26

0
voti

[3] Re: protezione motori

Messaggioda Foto UtenteMASSIMO-G » 9 gen 2010, 11:59

Se il motore è di potenza superiore ai 500w andrebbe protetto contro il sovraccarico. Io in quel caso metterei il P25M, poi in base al tipo di impianto valuteri se occorre il differenziale o meno.
Avatar utente
Foto UtenteMASSIMO-G
13,4k 6 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2737
Iscritto il: 20 set 2004, 8:31
Località: PIACENZA

0
voti

[4] Re: protezione motori

Messaggioda Foto Utentemikic » 9 gen 2010, 12:36

Il motore del ponte è trifase da 3.5 kW
Avatar utente
Foto Utentemikic
0 2
 
Messaggi: 13
Iscritto il: 8 gen 2010, 18:03

0
voti

[5] Re: protezione motori

Messaggioda Foto UtenteMike » 9 gen 2010, 14:35

Ma il ponte è una macchina e quindi dotato di proprio equipaggiamento elettrico e devi solo alimentarlo, oppure stai realizzando una macchina?
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
--
Quello che non comprendi con l'insegnamento, lo imparerai, a tue spese, con l'esperienza. (MMGM)
Avatar utente
Foto UtenteMike
52,1k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14296
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

0
voti

[6] Re: protezione motori

Messaggioda Foto Utentemikic » 9 gen 2010, 15:43

PER MIKE: non sto realizzando nessuna macchina..il ponte, è quel dispositivo che usano i meccanici o i gommisti per sollevare l'automobile.. è azionato da un motore asincrono trifase dotato di teleruttore, dei vai comandi ecc..ecc..Sostanzialmente devo solo alimentarlo. Ciao
Avatar utente
Foto Utentemikic
0 2
 
Messaggi: 13
Iscritto il: 8 gen 2010, 18:03

0
voti

[7] Re: protezione motori

Messaggioda Foto UtenteMASSIMO-G » 9 gen 2010, 16:32

In effetti c'era un po' di confusione ... rileggendo il tuo primo messaggio parlavi di quadro con teleruttore, relè termico o salvamotore da realizzare. Così devi solo prevedere su un quadro di distribuzione una nuova linea che alimenta questa utenza. La tua utenza assorbirà al massimo 8A probabilmente qualcosina meno.
Cosi a spanne dovrebbe essere sufficiente un interruttore modulare da 16/20A anche in curva C (oppure uno da 10-16A curva D)con un cavo di collegamento adeguato alla corrente nominale dell'interruttore secondo le note regole (tipo di posa ect.)
senti anche Mike
Avatar utente
Foto UtenteMASSIMO-G
13,4k 6 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2737
Iscritto il: 20 set 2004, 8:31
Località: PIACENZA

0
voti

[8] Re: protezione motori

Messaggioda Foto UtenteMASSIMO-G » 9 gen 2010, 17:00

Ho magari scritto dei valori che possono non essere esatti, per la scelta dell'interruttore occorre conoscere la corrente di spunto , con la curva C l'interruttore potrebbe scattare da 5In mentre con la D da 10In , considerando 7.5A come corrente nominale del motore la corrente di spunto dovrebbe stare sotto la magnetica degli interruttori indicati.
Comunque si possono scegliere anche interruttori di un gradino superiore come corrente.
Per il cavo bisogna anche considerare la caduta di tensione all'avviamento

Sentiamo anche Mike
Avatar utente
Foto UtenteMASSIMO-G
13,4k 6 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2737
Iscritto il: 20 set 2004, 8:31
Località: PIACENZA

0
voti

[9] Re: protezione motori

Messaggioda Foto UtenteMike » 9 gen 2010, 17:09

mikic ha scritto:PER MIKE: non sto realizzando nessuna macchina..il ponte, è quel dispositivo che usano i meccanici o i gommisti per sollevare l'automobile.. è azionato da un motore asincrono trifase dotato di teleruttore, dei vai comandi ecc..ecc..Sostanzialmente devo solo alimentarlo. Ciao


Premesso che è in vigore il DM 37/08 che riserva l'attività di installazione di impianti solamente a figure in possesso di precisi requisiti tecnico professionali e che per le attività che esulano dalla manutenzione straordinaria è obbligatorio un progetto da parte di un professionista iscritto all'albo professionale nelle condizioni indicati all'art. 5 comma 2... l'intervento che vai a realizzare è configurabile in "ampliamento", si tratta di un'attività produttiva per cui se la superficie supera i 200 mq o i 6 kW di potenza o è un'attività soggetta a prevenzione incendi, c'è l'obbligo del progetto.

Per cui le informazioni che richiedi, all'apparenza banali, deve fornirtele il progettista incaricato dal committente o da te (se sei un installatore). Quello che posso dirti è che devi proteggere la linea di alimentazione (conduttura) e non il carroponte (utenza) che come macchina marcata CE è già rispondente ai requisiti di sicurezza.
La conduttura va dimensionata per una portata (Iz) in funzione della corrente di impiego (Ib) ovvero della corrente assorbita dal carroponte (ricavabile dai dati di targa o calcolata dalla potenza nominale di 3,5 kW) e dalla corrente nominale del dispositivo di protezione (In), secondo la relazione:

Iz<=Ib<=In

Il dispositivo di protezione deve poi essere idoneo alla corrente di cortocircuito presunta nel punto di installazione (Iccp). La curva magnetica è sufficiente sia C (uso generico) ma è da verificare che scegliendo un interruttore con In pari a Ib o di poco superiore, non faccia intervenire la magnetica (tra 8 e 10 volte la In) con l'avviamento del motore del carroponte. In tal caso puoi passare ad una taglia superiore (sempre se la Iz del cavo te lo permette) oppure passare ad una curva D.

La conduttura (insieme cavo + supporto) va scelta in funzione del luogo di installazione:
- interrata
- incassata
- in canale chiuso
- in aria libera
- ecc

Trattandosi di un ampliamento avrai già delle canalizzazioni (tubazioni o canali) che sfrutterai per arrivare fino al punto di alimentazione. Se hai un canale chiuso con coperchio (dove per canale si intende un involucro metallico conforme alla norma di prodotto, altrimenti è una passerella) puoi utilizzare cavo unipolare N07V-K (ovviamente la canala sarà collegata a terra), oppure se se hai una passerella sei obbligato a usare cavo con guaina tipo FROR 450/750V oppure FG70R 0,6/1kV.
La sezione della linea di alimentazione oltre al calcolo della Iz deve tenere conto anche della caduta di tensione a fondo linea che deve essere al massimo del 4% salvo accordi diversi.

Importante e spesso trascurato dagli installatori è la lettura del manuale di installazione della macchina.
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
--
Quello che non comprendi con l'insegnamento, lo imparerai, a tue spese, con l'esperienza. (MMGM)
Avatar utente
Foto UtenteMike
52,1k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14296
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

0
voti

[10] Re: protezione motori

Messaggioda Foto Utentesebago » 9 gen 2010, 19:03

@mikic: stavo per rispondere ma Mike, come al solito, mi ha preceduto (e bisogna fargli i complimenti per la solita chiarezza e il prezioso dono della sintesi). Se ti può essere utile, ti segnalo:
http://www.electroportal.net/sebago/wiki/protezionesovracorrenti
Saluti
Sebastiano
________________________________________________________________
"Eo bos issettaìa, avanzade e non timedas / sas ben'ennidas siedas, rundinas, a domo mia" (P. Mossa)
Avatar utente
Foto Utentesebago
16,6k 4 10 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2185
Iscritto il: 1 apr 2005, 19:59
Località: Orune (NU)

Prossimo

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 53 ospiti