Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Elettroserratura

Circuiti, campi elettromagnetici e teoria delle linee di trasmissione e distribuzione dell’energia elettrica

Moderatori: Foto UtenteIsidoroKZ, Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteEdmondDantes

0
voti

[1] Elettroserratura

Messaggioda Foto Utenteclark81 » 13 nov 2009, 14:25

Salve,
vi espongo il mio problema:
la porta di accesso ad una sala è regolata da un tastierino numerico. Una volta inserito il codice giusto, viene inviato l'impulso di eccitazione (12V) ad una bobina di un'elettroserratura e la porta si apre. Da un po' di tempo, il tastierino a volte invia un impulso prolungato alla bobina (si inceppa....) che dopo un po' si surriscalda e fonde (e non funziona più).
Credendo fosse un problema della bobina, l'ho sostituita un paio di volte, ma continua a fondere...
Cosa mi consigliate di fare lasciandomi come ultima soluzione la sostituzione del tastierino (costoso e non possibile subito...)?
Posso inserire un qualcosa prima della bobina per "salvarla"?
Pensavo come soluzione temporanea a un qualcosa, un temporizzatore o qualcosa del genere interposto tra il tastierino e la bobina. Questo dispositivo ricevuto l'impulso 12V al suo ingresso dal tastierino replica l'impulso 12V sulla sua uscita collegata alla bobina solo per qualche secondo isolando poi l'uscita dall'ingresso fino al prossimo impulso (in questo modo anche se il tastierino si inceppa e continua ad inviare l'impulso, la bobina non si brucia).
Grazie a tutti!
Avatar utente
Foto Utenteclark81
0 2
 
Messaggi: 39
Iscritto il: 10 dic 2008, 14:26

0
voti

[2] Re: Elettroserratura

Messaggioda Foto Utenteg.schgor » 13 nov 2009, 16:24

Una possibile soluzione è quella di mantenere il comando alla bobina
solo per breve tempo.
Ecco un circuito che mantiene il comando per ca 2s
Rit2s.GIF
Rit2s.GIF (3.74 KiB) Osservato 5503 volte

(il problema è se sono sufficienti 2s per aprire la serratura)

Ad ogni modo V1 e' il comando attuale delle bobina (12V, oppure 0V),
R2 è la bobina della serratura ed M1 è un Mosfet IRF024.
Sappimi dire.
Avatar utente
Foto Utenteg.schgor
57,3k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 16894
Iscritto il: 25 ott 2005, 9:58
Località: MILANO

0
voti

[3] Re: Elettroserratura

Messaggioda Foto Utentegreender » 14 nov 2009, 13:37

clark81 ha scritto:Salve,
.... collegata alla bobina solo per qualche secondo isolando poi l'uscita dall'ingresso fino al prossimo impulso (in questo modo anche se il tastierino si inceppa e continua ad inviare l'impulso, la bobina non si brucia).
Grazie a tutti!

ma se non togli il segnale il temporizzatore probabilmente di eccita di nuovo e riapre la porta, probabilmente non brucia, perché la bonina si eccita a "impulsi"

potresti anche metter un finecorsa, che chiude il circuito fin quando il cancello è chiuso.
un contatto nc a porta chiusa.
il problema è se passa troppo tempo da quando abiliti l apertura a quando effettivamente apri, perché in quel periodo (secondo quanto dici) la bonina rimane eccitata e rischia di bruciare.

Ma il segnale di apertura quanto dura? non è il caso di verificare il perché questo segnale si è prolungato? non c'è qualche programmazione??
Avatar utente
Foto Utentegreender
0 2
 
Messaggi: 27
Iscritto il: 5 nov 2009, 21:46

0
voti

[4] Re: Elettroserratura

Messaggioda Foto Utenteg.schgor » 14 nov 2009, 15:09

greender ha scritto:ma se non togli il segnale il temporizzatore probabilmente di eccita di nuovo e riapre la porta

No, perché? Il circuito dato si ripristina solo quando il segnale di ingresso va a zero (0V) ed il condensatore si scarica.
Avatar utente
Foto Utenteg.schgor
57,3k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 16894
Iscritto il: 25 ott 2005, 9:58
Località: MILANO

0
voti

[5] Re: Elettroserratura

Messaggioda Foto Utentegreender » 14 nov 2009, 22:39

g.schgor ha scritto:
greender ha scritto:ma se non togli il segnale il temporizzatore probabilmente di eccita di nuovo e riapre la porta

No, perché? Il circuito dato si ripristina solo quando il segnale di ingresso va a zero (0V) ed il condensatore si scarica.


che sciocco... pardon per l errore
Avatar utente
Foto Utentegreender
0 2
 
Messaggi: 27
Iscritto il: 5 nov 2009, 21:46

0
voti

[6] Re: Elettroserratura

Messaggioda Foto Utenteclark81 » 16 nov 2009, 12:48

g.schgor ha scritto:Una possibile soluzione è quella di mantenere il comando alla bobina
solo per breve tempo.
Ecco un circuito che mantiene il comando per ca 2s
Rit2s.GIF

(il problema è se sono sufficienti 2s per aprire la serratura)

Ad ogni modo V1 e' il comando attuale delle bobina (12V, oppure 0V),
R2 è la bobina della serratura ed M1 è un Mosfet IRF024.
Sappimi dire.


Ecco, questa potrebbe essere una soluzione al mio problema... e penso che 2s siano sufficienti per aprire la porta.
Un dubbio: se il tastierino "si incaglia" e continua a mandare i 12 V c.a. sulla bobina, essa non si eccita più perché con questo circuito funzionerebbe solo al prossimo impulso, giusto?
Grazie!

PS: V1 sono i 12V c.a. provenienti dal tastierino, corretto?
Avatar utente
Foto Utenteclark81
0 2
 
Messaggi: 39
Iscritto il: 10 dic 2008, 14:26

0
voti

[7] Re: Elettroserratura

Messaggioda Foto Utenteg.schgor » 16 nov 2009, 13:22

Si, anche se non mi è chiaro per quanto tempo la "tastierina" mantiene il segnale d'apertura.

Una raccomandazione: occorre verificare che tale segnale sia a 0V (cioè come un contatto
chiuso) quando non c'è comando (altrimenti serve una resistenza (1K) in parallelo al segnale,
perché il condensatore possa scaricarsi, quando il segnale viene a mancare)
Avatar utente
Foto Utenteg.schgor
57,3k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 16894
Iscritto il: 25 ott 2005, 9:58
Località: MILANO

0
voti

[8] Re: Elettroserratura

Messaggioda Foto Utenteclark81 » 16 nov 2009, 16:33

Ho verificato che nel caso di impulso assente, la tensione presente ai capi della bobina è di circa 0V (0,10 per la precisione...).
A questo punto, potrebbe cortesemente illustrarmi in breve il principio di funzionamento del circuito nel caso di presenza dell'impulso a 12V (soprattutto la funzione del Mosfet)?
Grazie.
Avatar utente
Foto Utenteclark81
0 2
 
Messaggi: 39
Iscritto il: 10 dic 2008, 14:26

0
voti

[9] Re: Elettroserratura

Messaggioda Foto Utenteg.schgor » 16 nov 2009, 17:26

clark81 ha scritto:principio di funzionamento del circuito nel caso di presenza dell'impulso a 12V (soprattutto la funzione del Mosfet)?

E' semplice: all'arrivo del segnale (V1=12V), questo viene applicato alla bobina (R2) con in serie il Mosfet.
Poiché contemporaneamente V1 viene applicato al circuito serie R3,C1,R1, sul gate di questo Mosfet c'è
una tensione che parte da 6V (partitore R3,R1, con C1 scarico) e che diminuisce man mano C1 si carica.
Ora il Mosfet conduce finché il suo gate ha una tensione >4V, quindi attiva la bobina per il tempo in cui
il condensatore si carica (fino appunto a far raggiungere al gate il valore di interdizione).
Alla fine del segnale (V1 ca = 0V) il condensatore si scarica (attraverso R3 ed R1) e si ripristinano le
condizioni iniziali.
Avatar utente
Foto Utenteg.schgor
57,3k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 16894
Iscritto il: 25 ott 2005, 9:58
Località: MILANO

0
voti

[10] Re: Elettroserratura

Messaggioda Foto Utenteclark81 » 16 nov 2009, 18:52

Chiarissimo, grazie!
Ho difficoltà a reperire il Mosfet IRF024 (sui normali siti di componentistica), dove posso trovarlo?
Altra cosa, le resistenze possono andar bene con potenza di 0,25 W o superiore?
Avatar utente
Foto Utenteclark81
0 2
 
Messaggi: 39
Iscritto il: 10 dic 2008, 14:26

Prossimo

Torna a Elettrotecnica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 17 ospiti