Pagina 1 di 11

Riforma tariffe domestiche in arrivo

MessaggioInviato: 26 ago 2015, 0:08
da m_dalpra
Segnalo che l'Autorità per l'Energia ha pubblicato il secondo documento relativo alla riforma delle tariffe elettriche per gli utenti domestici.
Un lavoro dettagliatissimo.
Sono state avanzate più proposte ed indicati vantaggi e svantaggi di ciascuna.
A seguito dei commenti ricevuti, l'Autorità ha anche cambiato idea, scegliendo una tariffa diversa da quella che inizialmente aveva dato per preferibile.

Finisce entro il 2017 la stortura tutta italiana degli scaglioni tariffari (inesistenti negli altri paesi europei) che sussidiano i bassi consumi con chi consuma tanto, senza guardare chi risiede nell'abitazione.
Rivoluzione in vista anche per le potenze, che probabilmente si potranno scegliere con salti di 0,5 kW.
Il tutto per farsi una "bolletta" su misura.

Qui il documento di 68 pagine scaricabile.

293/2015/R/eel
Riforma delle tariffe di rete e delle componenti tariffarie a copertura degli oneri generali di sistema per i clienti domestici di energia elettrica- Termine invio osservazioni 04 settembre 2015

http://www.autorita.energia.it/it/docs/dc/15/293-15.jsp
http://www.autorita.energia.it/allegati ... 293-15.pdf

Re: Riforma tariffe domestiche in arrivo

MessaggioInviato: 28 ago 2015, 16:22
da flori2
Il prezzo aumentrà per la maggior parte degli italiani

Re: Riforma tariffe domestiche in arrivo

MessaggioInviato: 28 ago 2015, 22:12
da m_dalpra
La questione non è così semplice
Comunque è vero che l'utente Benckmark tipo "C" , cioè la famiglia media italiana,
avrà 20€ in più all'anno.
Ma, ad esempio, chi è costretto alla pompa di calore perché vive in zone non metanizzate, o costretto al furto GPL
potrà usufruire di una bolletta a prezzo di costo senza deformazioni.

Re: Riforma tariffe domestiche in arrivo

MessaggioInviato: 31 ago 2015, 18:33
da Danielex
chissà cosa succederà al meccanismo per il calcolo del contributo in conto scambio..
presumibilmente si troverà un modo di retribuire ancora meno l'energia ceduta in rete.

Grazie per la segnalazione! :ok:

Re: Riforma tariffe domestiche in arrivo

MessaggioInviato: 31 ago 2015, 19:48
da 6367
Ne avevamo parlato qui.
http://www.electroyou.it/forum/viewtopic.php?f=19&t=56668

Un principio di buon senso è che si paghi in funzione del consumo effettivo.

Oggi in Italia (solo in Italia) non è così. Chi consuma tanto paga anche per chi consuma poco.

Le politiche di austerità energetica degli anni '70 hanno penalizzato l'uso dell'energia elettrica con la conseguenza che la maggior parte delle abitazioni ha impianti da soli 3 kW.

L'effetto non è stato un effettivo risparmio, ma lo spostamento dei consumi energetici verso il metano.

Ci si accorge oggi che l'Italia è rimasta fuori dalle nuove tecnologie che permettono un utilizzo virtuoso dell'energia con un risparmio netto della fonte primaria: riscaldamento a pompa di calore, cottura a induzione, automobile elettrica.

Probabilmente a molti va bene così.... io penso che alla fine questi prevarranno. Mica vorremo danneggiare il metano?

Re: Riforma tariffe domestiche in arrivo

MessaggioInviato: 31 ago 2015, 22:12
da richiurci
mmm...

in parte non condivido ma voglio spiegarmi. Ovviamente è il punto di vista di un profano un po' utopista...

Io credo che dovremmo pagare di più (non in Italia, ovunque) qualsiasi fonte/vettore energetico per ridurre consumi (o meglio sprechi) e inquinamento.

Ora... è sicuramente discutibile il concetto di scaglioni, ma solo perché vale solo per l'energia elettrica. Se fosse applicato anche ai carburanti, e se fosse "pesato" col numero di utenti, non lo vedo un crimine: come le tasse, l'aliquota crescente dovrebbe "aiutare" i meno abbienti.

Quindi più che toglierli avrei preferito scaglioni calcolati in base al nucleo familiare.

Chi consuma oltre "la media" è giusto paghi di più il kWh, anche perché l'assorbimento maggiore (e i relativi picchi) comportano il potenziamento delle reti e delle centrali.

Stiamo sprecando molto, e non è mica tutta energia rinnovabile. Molti miei colleghi hanno, con famiglie composte da 4 persone come la mia, consumi che io ho raggiunto solo con l'auto elettrica! Il doppio dei miei.

Giusto tariffe agevolate per veicoli elettrici, e anche per pdc (anche se... sono più efficienti del metano in riscaldamento, ma il condizionamento è un lusso egoistico e molto energivoro)

Insomma... magari meno esasperati, o con una riduzione del costo medio, ma a me gli scaglioni "ideologicamente" piacciono.

Re: Riforma tariffe domestiche in arrivo

MessaggioInviato: 31 ago 2015, 22:38
da 6367
richiurci ha scritto:Ora... è sicuramente discutibile il concetto di scaglioni, ma solo perché vale solo per l'energia elettrica.

perché solo per l'energia elettrica?
Metano no?
Il metano è stato così favorito che ci permettiamo di bruciarlo in caldaiette individuali poco efficienti.
Il mio amministratore, da anni, mi diceva che una caldaia a metano centralizzata permetteva un 50% di risparmio ma.... in Italia era in disuso, si preferiva consumare di più.


richiurci ha scritto:Giusto tariffe agevolate per veicoli elettrici, e anche per pdc

E la cottura a induzione no?
Esistono innumerevoli ragioni per cui è necessario o opportuno spostare i consumi verso l'elettrico a svantaggio del metano.
Foto Utentem_dalpra ha già citato le zone non metanizzate.
Potrei citare le mansarde.
Oppure le case abitate da anziani o da persone non del tutto a posto ove per motivi di sicurezza si preferisce evitare il gas.

richiurci ha scritto:il condizionamento è un lusso egoistico e molto energivoro

Magari sei stato in vacanza, al mare o in montagna.
Pensa ai vecchi, a chi non esce mai di casa nemmeno ad agosto, ai quali il dottore ha consigliato il "lusso egoistico" del condizionatore.

Re: Riforma tariffe domestiche in arrivo

MessaggioInviato: 31 ago 2015, 22:50
da Mike
Le scelte etiche devono essere volontarie e non imposte dall'alto altrimenti ottengono l'effetto contrario e penalizzano quelli che hanno meno possibilità di scelta.

Re: Riforma tariffe domestiche in arrivo

MessaggioInviato: 31 ago 2015, 22:52
da richiurci
azz..il metano costa talmente poco che avevo rimosso i suoi scaglioni!

Il senso del mio intervento è che dovremmo pagare di più, e non tanto ridurre il costo dell'energia.

magari facendo cose utili e innovative coi proventi. Siamo un paese molto sprecone in tutti questi settori, o no?

Riguardo il condizionamento, un po' troppo facile citare casi particolari.. mica voglio proibirlo!

Ma bisognerebbe cambiare approccio, la vecchina sola, che magari abita una casa ormai troppo grande, non vedo perché dovrebbe avere più agevolazioni di un single.

Io abito in provincia di Milano, mica a Ponte di Legno... eppure cerco di resistere e sopporto quelle 2-3 settimane di disagio. Agli anziani, se non proprio ridotti in fin di vita, fa molto meglio fare una passeggiata nelle ore meno calde.

Comunque non farmi sembrare spietato, credo sia ben chiaro a cosa mi riferisco: buona parte degli italiani finiscono quasi per avere in casa una temperatura più alta in inverno che in estate...

@mike: lo spreco energetico è una scelleratezza. Io più che incentivare i consumi smetterei di fare il balletto delle detrazioni sugli interventi di risparmio energetico.

Scusate la pianto qui, ho voluto esprimere un punto di vista diverso e un po' meno consumistico, pur consapevole che è poco sensato dal punto di vista prettamente tecnico. Tutto qui.

Re: Riforma tariffe domestiche in arrivo

MessaggioInviato: 1 set 2015, 0:56
da attilio
richiurci ha scritto:ma il condizionamento è un lusso egoistico e molto energivoro

Sempre che la chiave di lettura che ho dato a questa frase sia corretta, direi che non è con la privazione di un comfort che parte il risparmio energetico intelligente.

Che poi ti assicuro che mai come in questi ultimi due mesi ho utilizzato tanto il raffrescamento a PdC, essendo stati quasi sempre in casa da Giugno ad oggi, ed essendovi all'interno una temperatura media di 32°C e un U.R.% sempre sopra il 70%

Che poi tu mi dica, che non ha senso avere case fredde d'estate e roventi in inverno è un'altra storia.
Al di là dello spreco energetico, ΔT così esagerati non sono per nulla salutari, anzi acuiscono il malessere nei passaggi obbligati con l'ambiente esterno.