Pagina 1 di 1

trifase: vanno identificate le fasi?

MessaggioInviato: 19 giu 2019, 20:51
da nucleopi
ciao a tutti,

devo alimentare una macchina in trifase (in realtà, il solo lato PLC), 3f+n+terra.
Ho esperienza con quadri di automazione (in bassissima tensione) e nel collegamento di macchine in monofase; non mi è mai capitato di dover alimentare una macchina in trifase.
Preleverò l'alimentazione da una classica presa pentapolare (32A) rossa per poi collegare il cavo direttamente sui morsetti di macchina (è in realtà un collegamento "volante" di verifica).

Mi sono chiesto: ma le tre fasi vanno devo identificate o posso collegarle a piacimento?

Re: trifase: vanno identificate le fasi?

MessaggioInviato: 19 giu 2019, 20:55
da MarcoD
Il senso della fasi influisce sul senso di rotazione di un motore asincrono trifase.

Re: trifase: vanno identificate le fasi?

MessaggioInviato: 19 giu 2019, 21:45
da nucleopi
Quindi non dovrei avere problemi.
Vi sarebbe l'azionamento di una pompa trifase e tre blocchi di resistenze elettriche trifase; ma dovrebbero (devo verificare meglio gli schemi) avere l'alimentazione da altri punti di prelievo, non dal quadro in questione.
Se la pompa dovesse venir alimentata in questa situazione, rischio di farla girare al contrario quindi?

Re: trifase: vanno identificate le fasi?

MessaggioInviato: 19 giu 2019, 22:32
da attilio
nucleopi ha scritto:Se la pompa dovesse venir alimentata in questa situazione, rischio di farla girare al contrario quindi?

Sì.

Se non disponi di uno strumento (sequensimetro) per la determinazione del senso ciclico delle fasi e la pompa non è sommersa ma con ventola a vista, fai presto a vedere se il collegamento è corretto... basta una fascetta di plastica e azionare la pompa giusto un secondo per vedere in che verso gira la ventola.

Re: trifase: vanno identificate le fasi?

MessaggioInviato: 19 giu 2019, 22:50
da nucleopi
E no, questo "senquensimetro" non lo abbiamo. La pompa è per il carico acqua del serbatoio dove ci sono le resistenze.
Quindi potrei procedere a "tentativi": collego e vedo come gira la pompa e se non è corretto il verso, scambio due fasi. Giusto?

Volendomi allontanare dall'oggetto del thread, la normativa impone una certa qualifica/certificazione per collegare una macchina trifase seppur da quasi 2000 kW?
Mi pare di ricordare che per la bassa tensione (quindi <1000Vac e <1500Vdc) non è prevista una abilitazione specifica. Giusto?
Cioè, potrei mettere io in linea quella macchina o è necessario un elettricista con una particolare "abilitazione"?

Re: trifase: vanno identificate le fasi?

MessaggioInviato: 20 giu 2019, 11:54
da mir
attilio ha scritto:basta una fascetta di plastica e azionare la pompa giusto un secondo per vedere in che verso gira la ventola.

Foto Utenteattilio, utilizziamo la stessa tecnica .. infallibile.. :D
nucleopi ha scritto:Quindi potrei procedere a "tentativi": collego e vedo come gira la pompa e se non è corretto il verso, scambio due fasi. Giusto?

Puoi utilizzare la tecnica suggerita da Foto Utenteattilio, sempre se puoi avviare per un secondo il motore e sei certo del verso di rotazione dell'asse del motore.
nucleopi ha scritto:per collegare una macchina trifase seppur da quasi 2000 kW?
...potrei mettere io in linea quella macchina o è necessario un elettricista con una particolare "abilitazione"?

in fatto di normativa è opportuno citare il guru Foto UtenteMike, cosi a naso direi che per la posa in opera della macchina,l'azienda costruttrice e venditrice abbia senz'altro info in merito e/o personale adatto, è solo una mia opinione.. ;-)

Re: trifase: vanno identificate le fasi?

MessaggioInviato: 20 giu 2019, 14:19
da magoxax
Preleverò l'alimentazione da una classica presa pentapolare (32A) rossa

Visto che ma macchina è alimenta tramite presa potresti considerare l'idea di usare una spina con inversione di fase, ad esempio: BTicino perché è la prima che è saltata fuori

Re: trifase: vanno identificate le fasi?

MessaggioInviato: 20 giu 2019, 15:31
da MSilvano
...collegare una macchina trifase seppur da quasi 2000 kW..
Preleverò l'alimentazione da una classica presa pentapolare (32A) rossa


2000 kW tramite presa da 32 A ??? :roll:

Re: trifase: vanno identificate le fasi?

MessaggioInviato: 20 giu 2019, 23:04
da nucleopi
magoxax ha scritto:Visto che ma macchina è alimenta tramite presa potresti considerare l'idea di usare una spina con inversione di fase, ad esempio: BTicino perché è la prima che è saltata fuori


in realtà la macchina sarà cablata con linea dedicata, io sto solo facendo dei test di connettività con lo SCADA, alimento solo il lato PLC. Il costruttore ha previsto anche il quadro relativo alla logica in trifase (ma in realtà poi c'è un trasformatore monofase... ovviamente).

MSilvano ha scritto:2000 kW tramite presa da 32 A ???

come sopra. Uso una linea trifase, collegandomi ad essa tramite presa, per alimentare un lato della macchina. I carichi grossi restano scollegati in questa fase.
Successivamente verrà cablato tutto il resto. Da questo segue la mia domanda (potrei farlo anch'io?).