Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Stadi in RF : “buffer”

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto UtenteBrunoValente, Foto Utentecarloc, Foto UtenteIsidoroKZ, Foto Utenteg.schgor

-1
voti

[1] Stadi in RF : “buffer”

Messaggioda Foto UtenteErasmos » 16 mar 2023, 3:26

Buongiorno a tutti,chissà se qualcuno di passaggio leggendo il mio post potrebbe illuminarmi in teoria sulla pratica di questo componente del circuito ? …ok provo a chiedervi innanzitutto cos’è..!? non un buffone credo :-) quindi se la mia domanda non è banale potreste spiegarmi a che serve nei circuiti elettronici ? … il “buffer” si trova solo in circuiti a RF ? avreste un semplice progetto di impiego affinché io possa capire meglio come funziona ? :shock:
Avatar utente
Foto UtenteErasmos
-34 2 4
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 285
Iscritto il: 21 ott 2019, 14:36

0
voti

[2] Re: Stadi in RF : “buffer”

Messaggioda Foto Utentelelerelele » 16 mar 2023, 9:48

Il buffer è un semplice amplificatore di segnale, quindi in linea generale si usa, sia in analogico (es. amplificatore audio), che in digitale, (es. bus driver), che in RF credo, potrei azzardare stadio di potenza di antenna, ma non sono molto ferrato in questo :lol: .

poi cercando su google esce anche la versione di buffer come tampone di memoria.

Hai provato a fare una ricerca anche tu?

saluti.
Avatar utente
Foto Utentelelerelele
4.080 3 7 9
Master
Master
 
Messaggi: 4702
Iscritto il: 8 giu 2011, 8:57
Località: Reggio Emilia

0
voti

[3] Re: Stadi in RF : “buffer”

Messaggioda Foto Utentewimatech » 16 mar 2023, 11:19

Il buffer fatto con degli opamp è semplicemente un opamp che ha l'output collegato con l'ingresso invertente e il segnale di riferimento che entra sull'ingresso non invertente.
Ora sapendo che dobbiamo considerare un corto circuito fittizio tra i due ingressi e che l'amplificatore modifica il suo output cercando di rispettare la condizione di V-=V+ otteniamo che in output abbiamo la stessa tensione che applichiamo in ingresso e viene usato principalmente per ottenere una "copia" della tensione applicata galvanicamente slegata dal resto del circuito alla quale puoi applicare ad esempio un potenziometro per prelevarne una certa percentuale senza inficiare il funzionamento del circuito a monte.
Avatar utente
Foto Utentewimatech
50 2 7
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 226
Iscritto il: 24 feb 2022, 9:34

0
voti

[4] Re: Stadi in RF : “buffer”

Messaggioda Foto UtentePioz » 16 mar 2023, 12:35

In RF di solto si chiama buffer un banale amplificatore che non ha funzioni granche' specifiche a parte magari dare un po' di guadagno, potenza o isolamento. Bene o male in RF tanti blocchi sono amplificatori, ma se hanno funzioni peculiari si chiamano con un nome piu' preciso che li identifica. Ad esempio trovi LNA (amplificatori a basso rumore), PA (amplificatori di potenza), VGA (amplificatori a guadagno variabile)...ecco, se ti serve uno stadio che amplifichi e basta lo chiami buffer.

Occhio che in analogica con buffer di solito si intende un amplificatore con guadagno 1 in tensione e o corrente. In RF innanzitutto si parla di guadagni in potenza, e il buffer non deve per forza avere guadagno 1.
Avatar utente
Foto UtentePioz
629 4 8
Expert
Expert
 
Messaggi: 567
Iscritto il: 11 ago 2011, 21:56

0
voti

[5] Re: Stadi in RF : “buffer”

Messaggioda Foto Utenteclaudiocedrone » 16 mar 2023, 12:40

Non mi pare corretto Foto Utentewimatech, non vi è separazione galvanica in un inseguitore di tensione (tale è essenzialmente un opamp connesso in quel modo), è solo che la corrente erogata a ciò che è a valle proviene dalla alimentazione del circuito invece che "attraverso" il dispositivo connesso a monte.
"Non farei mai parte di un club che accettasse la mia iscrizione" (G. Marx)
Avatar utente
Foto Utenteclaudiocedrone
20,0k 4 7 9
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 14179
Iscritto il: 18 gen 2012, 13:36

0
voti

[6] Re: Stadi in RF : “buffer”

Messaggioda Foto Utentewimatech » 16 mar 2023, 12:44

Si concordo mi sono spiegato male
Avatar utente
Foto Utentewimatech
50 2 7
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 226
Iscritto il: 24 feb 2022, 9:34

1
voti

[7] Re: Stadi in RF : “buffer”

Messaggioda Foto UtenteEtemenanki » 16 mar 2023, 13:53

Nella pratica un buffer puo avere due principali caratteristiche, di solito contemporanee, come nell'esempio dell'op-amp, senza inserire guadagno (quindi mantenendo l'uscita allo stesso livello dell'ingresso), aumenta la corrente disponibile e riduce l'impedenza (un'operazionale puo avere impedenze di ingresso anche di centinaia di megaohm, secondo il modello, e di uscita anche solo di centinaia o decine di ohm), per cui puo essere usato per accoppiare dispositivi che danno in uscita solo pochi microampere per pilotarci altri dispositivi che richiedono decine o centinaia di milliampere per poter funzionare.
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.
Avatar utente
Foto UtenteEtemenanki
6.660 3 5 10
Master
Master
 
Messaggi: 4257
Iscritto il: 2 apr 2021, 23:42
Località: Dalle parti di un grande lago ... :)

2
voti

[8] Re: Stadi in RF : “buffer”

Messaggioda Foto UtenteBrunoValente » 16 mar 2023, 19:22

Erasmos ha scritto:chissà se qualcuno di passaggio leggendo il mio post potrebbe illuminarmi in teoria sulla pratica di questo componente del circuito ?


Il buffer non è un componente, è un nome generico che si utilizza in molti ambiti e con significati anche diversi, in genere in analogica con buffer si intende un circuito che "potenzia" un segnale, a volte con amplificazione di tensione unitaria, quindi con impedenza di uscita più bassa di quella di ingresso.
Avatar utente
Foto UtenteBrunoValente
38,5k 7 10 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 7633
Iscritto il: 8 mag 2007, 14:48

0
voti

[9] Re: Stadi in RF : “buffer”

Messaggioda Foto UtenteErasmos » 17 mar 2023, 2:51

:roll: non ho fatto ricerche anche perché è citato nel mio libro di elettrotecnica…in pratica è un adattatore di impedenza e funge forse anche un po’ da “filtro”:)
lelerelele ha scritto:Il buffer è un semplice amplificatore di segnale, quindi in linea generale si usa, sia in analogico (es. amplificatore audio), che in digitale, (es. bus driver), che in RF credo, potrei azzardare stadio di potenza di antenna, ma non sono molto ferrato in questo :lol: .

poi cercando su google esce anche la versione di buffer come tampone di memoria.

Hai provato a fare una ricerca anche tu?

saluti.
Avatar utente
Foto UtenteErasmos
-34 2 4
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 285
Iscritto il: 21 ott 2019, 14:36

0
voti

[10] Re: Stadi in RF : “buffer”

Messaggioda Foto UtenteErasmos » 17 mar 2023, 2:58

wimatech ha scritto:Il buffer fatto con degli opamp è semplicemente un opamp che ha l'output collegato con l'ingresso invertente e il segnale di riferimento che entra sull'ingresso non invertente.
Ora sapendo che dobbiamo considerare un corto circuito fittizio tra i due ingressi e che l'amplificatore modifica il suo output cercando di rispettare la condizione di V-=V+ otteniamo che in output abbiamo la stessa tensione che applichiamo in ingresso e viene usato principalmente per ottenere una "copia" della tensione applicata galvanicamente slegata dal resto del circuito alla quale puoi applicare ad esempio un potenziometro per prelevarne una certa percentuale senza inficiare il funzionamento del circuito a monte.
:) … ah quindi ha delle varianti,cioè potrebbe essere anche un transistor ? …ah,ok infatti anche il mio libro non lo identifica come componente standard :)
Ultima modifica di Foto UtenteErasmos il 17 mar 2023, 3:16, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
Foto UtenteErasmos
-34 2 4
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 285
Iscritto il: 21 ott 2019, 14:36

Prossimo

Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 56 ospiti