Pagina 1 di 1

Esercizio sul guadagno di un 3 stadi

MessaggioInviato: 28 gen 2021, 19:28
da Andrea96
Ciao ragazzi, sono nuovo sul forum.
Vorrei mi aiutaste con la risoluzione di un esercizio. La consegna è la seguente:

Model the three-stage amplifier of Fig. 1.17 (without the source and load), using the voltage amplifier model of Fig. 1.16(a). What are the values of Ri , Avo , and Ro ?

In allegato ho messo le figure a cui fa riferimento e il calcolo che ho svolto per calcolare il guadagno in tensione complessivo del 3 stadi.
Per la Avo nuova ho usato il guadagno precedente ponendo Rl a infinito e Rs a 0, mi vine circa 900.
Il resto non ho proprio idea di come risolverlo. Qualche consiglio pls ?

Re: Esercizio sul guadagno di un 3 stadi

MessaggioInviato: 29 gen 2021, 17:52
da gill90
Per la R_i immagina di sparare una I dentro al primo stadio: che tensione vedresti subito a destra della linea tratteggiata di source?
Per la R_o invece spegni il generatore di ingresso (sostituiscilo con un corto) e spara una I "dentro l'uscita" (cioè "da destra verso sinistra") dell'ultimo stadio: che tensioni vedresti subito a sinistra della linea tratteggiata di load?

I rapporti tra ciascuna tensione e corrente ti danno rispettivamente la resistenza di ingresso e quella di uscita.

Re: Esercizio sul guadagno di un 3 stadi

MessaggioInviato: 30 gen 2021, 15:47
da Andrea96
Grazie, penso di avere capito adesso. La resistenza di ingresso è 1M, mentre quella di uscita è 10. Corretto?
La cosa di spegnere i generatori indipendenti non l’ho mai capita a fondo. Devo farlo sia per la misura della resistenza di ingresso che per quella di uscita? Viene fatto per avere come unico segnale quello di corrente dato da noi come test o ci sono altri motivi?

Re: Esercizio sul guadagno di un 3 stadi

MessaggioInviato: 30 gen 2021, 19:30
da gill90
Esatto ;-)
Se tu lasciassi acceso il generatore indipendente mentre calcoli la Ro, in realtà ricaveresti un mix tra resistenza di uscita vera e "disturbo dato dal generatore": per farti un'analogia semplificata è come se, calcolando la resistenza equivalente di Thevenin, non azzerassi i generatori, lasciandoti in uscita quel residuo di "tensione a vuoto equivalente" che calcoli quando applichi il teorema. Analogamente a Thevenin, un passo è calcolare l'amplificazione (generatore equivalente) a vuoto, un altro è calcolare la resistenza equivalente.

Per la Ri invece non hai nessun generatore da spegnere perché l'uscita è rappresentata solo da un carico resistivo.

Se vuoi approfondire un po' di più la cosa puoi guardare questo interessante articolo.

Re: Esercizio sul guadagno di un 3 stadi

MessaggioInviato: 30 gen 2021, 19:50
da Andrea96
EDIT: quando rispondi non citare tutto il messaggio, ma solo quello che serve, oppure, ancora meglio, usa il tasto RISPONDI, non il tasto CITA! IKZ

Grazie mille per la spiegazione e per l’articolo, me lo guardo volentieri con calma.