Pagina 2 di 2

Re: Rilevatore presenza segnale AC

MessaggioInviato: 11 lug 2019, 13:09
da BrunoValente
Credo anch'io sia meglio aggiungere D2 come propone Foto Utentedadduni, non tanto per duplicare la tensione in uscita ma per aumentare l'impedenza di ingresso, inoltre toglierei R1.

Con il circuito originale l'impedenza di ingresso è praticamente pari a R1, quindi troppo bassa per l'uscita di una porta CMOS

Il discorso vale nel caso l'uscita del circuito sia caricata solo dall'impedenza di un multimetro, nel caso vi sia un transistor le cose peggiorano

Re: Rilevatore presenza segnale AC

MessaggioInviato: 11 lug 2019, 13:21
da Tekonoris
MarcoD ha scritto: ...alimentato a 5 V dalla stessa tensione del circuito,
accendeva una luce (LED) verde, per "0" logico, luce rossa per "1" logico, e un lampeggio a 2 Hz
se rilevava impulsi fino alla frequenza di qualche MHz...


In teoria con qualche cosa tipo :

potrei avere un altro led acceso con +5V e tutto spento per 0V.
:D

Re: Rilevatore presenza segnale AC

MessaggioInviato: 11 lug 2019, 18:46
da MarcoD
Credo anch'io sia meglio aggiungere D2 come propone dadduni, non tanto per duplicare la tensione in uscita ma per aumentare l'impedenza di ingresso, inoltre toglierei R1.

concordo

Con il circuito originale l'impedenza di ingresso è praticamente pari a R1, quindi troppo bassa per l'uscita di una porta CMOS

OK aumentiamo R1 da 1kohm a 5 kohm e R2 a 1 Mohm.

Mi pare che
nell'ipotesi di Vi onda quadra simmetrica (duty cicle 50%)
con resistenza interna trascurabile e diodi semiideali con soglia di 0,6 V:
:
con 1 diodo la tensione di uscita Vu sia uguale alla (Vipp - 0,6) mediata dal filtro passa basso
R1 C2, quindi (V1pp - 0,6)/2

con 2 diodi Vu uguale a Vipp -0,6 -0,6 = Vipp -1,2 V

Verificate il mio ragionamento, potrei sbagliare...

Per basse tensioni Vì il circuito con 1 diodo è preferibile rispetto a quello con 2 diodi.
Con tensioni elevate, il circuito con due diodi fornisce una tensione quasi doppia.

Se si suppone diodi con caratteristica corrente tensione esponenziale, forse il ragionamento
non cambia, ma è da verificare.

Il circuitino sembra banale, ma capirne il funzionamento in tutte le condizioni non è facile.
O_/

Re: Rilevatore presenza segnale AC

MessaggioInviato: 11 lug 2019, 19:39
da BrunoValente
MarcoD ha scritto:Mi pare che
nell'ipotesi di Vi onda quadra simmetrica (duty cicle 50%)
con resistenza interna trascurabile e diodi semiideali con soglia di 0,6 V:
:
con 1 diodo la tensione di uscita Vu sia uguale alla (Vipp - 0,6) mediata dal filtro passa basso
R1 C2, quindi (V1pp - 0,6)/2

Invece a me pare che la tensione di uscita sia uguale a Vipp/2 - 0.6 o sbaglio?

Quindi, se non sto sbagliando, con un solo diodo abbiamo che Vu = (Vipp-1.2)/2, invece con due diodi abbiamo Vu = Vipp-1.2, vorrebbe quindi dire che entrambi i circuiti sono insensibili a segnali di ampiezza inferiore a 1.2Vpp, mentre per segnali di ampiezza superiore a 1.2Vpp, in quello con due diodi Vu assume un valore doppio rispetto a quello con un diodo.

Nelle condizioni andrebbe aggiunto che il periodo deve essere piccolo rispetto alla costante di tempo, altrimenti il condensatore si scarica tra un ciclo e l'altro e le cose si complicano.

Re: Rilevatore presenza segnale AC

MessaggioInviato: 12 lug 2019, 7:10
da MarcoD
che la tensione di uscita sia uguale a Vipp/2 - 0.6
Hai ragione :oops: