Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

4
voti

L'inarrestabile voglia di elettronica

Un saluto a tutto il popolo di electroyou che, contantemente, fornisce sempre nuove nozioni e si impegna a tener viva questa grande passione che ci accomuna da sempre! In realtà, in questo articolo, non parlerò di nuove tecnologie e non ci saranno spiegazioni tecniche ma voglio parlare di una passione che, a volte, può essere frenata.

Vi voglio raccontare la mia storia!

Tutto ebbe inizio nel periodo in cui frequentai la scuola media. Ogni volta che tornavo a casa, dopo la scuola, la prima cosa che facevo era quello di giocare alla Playstation 1....che ricordi!

Un bel giorno, la mia amata console fece un bel volo e si ruppe! Piansi...ma nella mia ignoranza e innocenza feci di tutto per rimediare ed aggiustarlo! Con l'aiuto di mio fratello, aprimmo la console per vedere quali danni si verificarono e fu li che fui rapito dal fascino dell'elettronica...quella scheda verde con strane forme geometriche stampate al di sopra che univa vari pezzi di plastica!
Da quel giorno smontavo e rimontavo qualsiasi cosa di elettronico che mi si parasse davanti...radio, giocattoli, vecchi televisori.
Purtroppo a 14 anni dovetti prendere una scelta difficile, ossia se andare all'alberghiero (perché ho la passione della cucina) oppure all'istituto tecnico; scelsi la seconda ed è qui che ho avuto gioie e dolori...
Al 3° anno ovviamente scelsi l'indirizzo di elettronica e telecomunicazioni e nel corso dei 3 anni ho dovuto sopportare professori che non avevano voglia neanche di vivere, reprimendo così la voglia di fare di noi ragazzi...ma per fortuna avevo professori che erano puri geni. Nel corso dei tre anni imparai solo ad usare oscilloscopio, a mettere qualche resistenza in serie e parallelo e altre cavolate, sentendomi molto mortificato e umiliato. Al quel punto non potevo far altro che diplomarmi con una bassissima e banale conoscenza dell'elettronica, visto che nei laboratori ci andavamo ogni morte di papa e quando ci andavamo era una tragedia perché i prof non volevano far nulla se non altro che parlare tra loro e bere caffè mentre noi ragazzi, ogni volta, venimmo lasciati allo sbando.
Ma fu proprio in quel momento che ebbi la svolta!

<<Se Maometto non va alla montagna allora la montagna va da Maometto>>, pensai tra me e me. Così decisi di crearmi un laboratorio dentro casa! Iniziai con pochi componenti e poi piano piano iniziai a comprare sempre più cose (saldatore, terza mano, un mucchio di breadboard, basette millefori, rotoli di stagno,fili connettori, ventole, sensori di vario genere, motorini, multimetro analogico e digitale), fino a che il mio laboratorio non diventasse davvero un laboratorio con tanto di PC dove fare simulazione con Multisim, Eagle, Orcad & Layout.
Comprai libri su libri che spiegassero l'elettronica come si deve! E iniziai a costruire vari tipi di circuiti audio, video e iniziai a fare pratica con i microcontrollori (iniziai con i PIC).
Arrivai all'esame di stato con una buona preparazione e superai l'esame con successo!

Con questo articolo voglio dimostrare che se hai una passione, non bisogna mai arrendersi quando si incontrano difficoltà e persone che possono ostacolare la tua voglia di fare! La possibilità di fare qualcosa dipende solo da se stessi e da come lo si vuole fare! Spero che questo articolo sia da monito per tutti coloro che si stanno affacciando a questo mondo e per i nuovi lettori di Electroyou!

Voglio solo dire un'altra cosa: io mi ritengo ancora un ignorante in materia perché non si finisce mai di imparare in questo mondo che muta in continuazione! Per fortuna in meglio!

Vi ringrazio per l'attenzione popolo di Electroyou!

5

Commenti e note

Inserisci un commento

di ,

GuidoB condivido completamente il tuo pensiero!!!! ;)

Rispondi

di ,

"...se hai una passione, non bisogna mai arrendersi quando si incontrano difficoltà e persone che possono ostacolare la tua voglia di fare!"

Bravo!
Quando nella vita si trovano persone così, bisogna solo tirare dritto per la propria strada.
Non ragioniam di lor, ma guarda e passa

Rispondi

di ,

Bravo!! Non mollare mai il tuo entusiasmo, vedrai che prima o poi verrà ripagato!! Avanti così.

Rispondi

di ,

Grazie ESISNC!!!

Rispondi

di ,

Bravo, questo è il giusto comportamento per superare le difficoltà della materia che ami e più in generale della vita. Ho letto da qualche parte un aforisma che riassume molto bene il tuo ultimo pensiero : VIVI COME SE DOVESSI MORIRE DOMANI, IMPARA COME SE DOVESSI VIVERE PER SEMPRE.

Rispondi

Inserisci un commento

Per inserire commenti è necessario iscriversi ad ElectroYou. Se sei già iscritto, effettua il login.